Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

NOTIZIE

I 5 finalisti del Deutsche Börse Prize

Londra. Sono Sophie Calle, Dana Lixenberg, Awoiska van der Molen, e Taiyo Onorato & Nico Krebs i finalisti del Deutsche Börse Photography Foundation Prize 2017, il premio fondato dalla Photographers’ Gallery di Londra nel 1996, e destinato a un fotografo di qualsiasi nazionalità che nell’ultimo anno si sia distinto per una pubblicazione o una mostra.

Taiyo Onorato & Nico Krebs: the courtesy of the artists

Clare Grafik, responsabile delle esposizioni dell’istituzione londinese, e membro non votante della giuria composta da Susan Bright, Peter Hugo, Karolina Lewandowska e Anne-Marie Beckmann, ha fatto sapere che l’opera dei concorrenti «riflette il dinamismo delle pratiche fotografiche in campo contemporaneo, e considera la nostra relazione con tempo, luogo e memoria attraverso una diversità di generi». I lavori segnalati abbracciano approcci che vanno da quello narrativo a quello sperimentale a quello concettuale, e tutti «indagano le questioni della verità e della finzione, del dubbio e della certezza, che costituiscono il reale e l’ideale e la relazione tra osservatore e osservato».

Sophie Calle deve la nomination a My All, il libro edito da Actes Sud dove l’artista francese si misura con un racconto fatto a partire dalla collezione di cartoline, che funziona allo stesso tempo come nuovo capitolo e come approfondimento di tutto il suo trentennale percorso creativo.
Dana Lixenberg è qui per Imperial Courts, anche questa una pubblicazione, per i tipi di Roma. La fotografa olandese viaggia più volte, nel corso di ventidue anni, attraverso la cosiddetta South Central, una delle aree più degradate della contea di Los Angeles, e qui segue un’intera comunità attraverso il passare del tempo. È olandese anche Awoiska van der Molen, finalista per la personale «Blanco», al Foam Fotografie Museum di Amsterdam. Le sue immagini, in un bianco e nero quasi astratto, riprendono una natura che lei è andata a cercare tra Giappone Norvegia e Creta, reinterpretando la fotografia di paesaggio attraverso un’esplorazione sia fisica che emotiva dell’identità dei luoghi.
Nominati per la loro «EURASIA», la mostra al Fotomuseum Winterthur, gli svizzeri Taiyo Onorato & Nico Krebs si rifanno all’iconografia del road trip, che ricostruiscono attingendo ai ricordi e all’immaginazione. Partendo dalla Svizzera e seguendo un percorso che allinea Ucraina, Georgia, Azerbaigian, Turkmenistan, Uzbekistan, Kazakistan, Russia e Mongolia, compongono «una narrazione che è tanto fiction quanto documento».
A partire dal 3 marzo i lavori finalisti saranno in mostra, come ogni anno, alla Photographers’ Gallery di Londra, dove sarà anche dato l’annuncio del vincitore.

di Chiara Coronelli


Ricerca


GDA febbraio 2017

Vernissage febbraio 2017

Vernissage gennaio 2017

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Vedere a ...
Vedere a Bologna gennaio/febbraio 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012