Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

NOTIZIE

Cosi' la moda usa l'arte

Un’inchiesta sugli investimenti in Arte da parte del mondo della Moda nel Giornale dell’Arte in edicola questo mese.

Bulgari ha finanziato il restauro di Trinita' dei Monti a Roma

L’Arena di Verona sarà coperta grazie a Calzedonia? Il gruppo veronese ha presentato il 31 gennaio i progetti vincitori del concorso da lui stesso finanziato e si è dichiarato pronto a sostenerne l’eventuale realizzazione, per circa 13 milioni di euro. A metà febbraio, Gucci si è visto invece rifiutare la richiesta di sfilare sull’Acropoli di Atene. Immediatamente dopo la notizia, il Parco archeologico della Valle dei Templi di Agrigento ha offerto alla stessa maison già italiana la propria location come ripiego di lusso, e con risparmio assicurato. In Grecia hanno rifiutato due milioni di euro (Repubblica.it aveva riferito anche di 56 milioni di diritti televisivi, poi smentiti dalla stessa Gucci, che ha confermato soltanto un «progetto di collaborazione culturale a lungo termine»); in Sicilia l’anno scorso si sono invece accontentati di 100mila euro per una cena tra i templi magnogreci voluta da Google. «Il ritorno di immagine è garantito», assicura, senza alcuna remora o dubbio, il direttore del parco archeologico siciliano Giuseppe Parello. Ma due milioni (o anche 56) sono tanti? Sono pochi? È stato un giusto atto di orgoglio rifiutarli, una pubblica dichiarazione contro lo sfruttamento commerciale dell’identità di un bene Patrimonio mondiale dell’Umanità, nel quale si identifica un intero popolo come quello greco, stremato dalla crisi? O è stato un gesto meramente ideologico? E l’«offerta-richiesta» degli strateghi della moda è stata forse rivolta al Consiglio archeologico greco nella convinzione che avrebbe di certo acconsentito all’operazione, considerata la necessità assoluta di risorse finanziarie in cui versa? Ebbene, così non è stato: Gucci rimane senza sfilata ai piedi del Partenone e l’Acropoli senza soldi (né statali né privati) per gli improcrastinabili restauri. 
D’altra parte, Gucci non è certo il primo marchio che utilizza per i propri eventi un bene culturale noto nel mondo (la stessa Acropoli aveva ospitato una sfilata di Dior nel lontano 1951). In Italia, l’estate scorsa Fendi organizzò a Roma una sfilata «sull’acqua» della Fontana di Trevi appena restaurata dalla stessa casa di moda, mentre già nel 2007, Valentino usò l’Ara Pacis per il suo addio al mondo della moda.

L'inchiesta prosegue sul numero di marzo di «Il Giornale dell'Arte», ora in edicola


Articoli correlati:
La Grecia dice no alla sfilata di Gucci sull'Acropoli
Un anello tedesco per l'Arena di Verona
Sotto il ponteggio la griffe

La Fontana di Trevi veste Fendi

Fendi sponsorizza con due milioni e mezzo il restauro della Fontana di Trevi

Via libera a Della Valle

di di Maurizio Francesconi, Alessandro Martini e Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 373


Ricerca


GDA novembre 2017

Vernissage novembre 2017

Sovracoperta GDA novembre 2017

Focus on Figurativi 2017

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012