Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

NOTIZIE

The Grandfather Platform: l’opera site specific di Luca Pozzi offre ai visitatori un incontro ravvicinato con gli affreschi di Palazzo Magnani

Il progetto, curato da Maura Pozzati, costituisce una nuova importante tappa nell’ambito della collaborazione intrapresa da UniCredit e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna volta a promuovere il patrimonio artistico dello storico edificio bolognese

The Grandfather, la piattaforma realizzata da Luca Pozzi

Un viaggio nel tempo e nello spazio, dentro e attraverso superfici, storia e futuro. Un’esperienza per i sensi e per l'anima in una originale mostra d’arte che, grazie ad una monumentale piattaforma interattiva, consente incontri ravvicinati con gli affreschi realizzati da Ludovico, Agostino e Annibale Carracci nel tardo Cinquecento, tra vibrazioni dallo spazio, buchi neri e realtà aumentata. È The Grandfather Platform, opera site specific pensata dall’artista milanese Luca Pozzi per Palazzo Magnani, promossa e inserita nel percorso espositivo dell’edizione 2018 di Arte Fiera - Art City.

Centro nevralgico della mostra – inaugurata venerdì 2 febbraio alla presenza di Giusella Finocchiaro, Presidente della Fondazione del Monte, e Livio Stellati,Responsabile Relazioni territoriali Centro Nord UniCredit, – è la Sala dei Carracci, per l’occasione interamente occupata da un'installazione ambientale che permetterà ai visitatori di salire a oltre 4 metri di altezza per trovarsi vis-à-vis, per la prima volta nella storia di Palazzo Magnani, con i magnifici affreschi carracceschi che ornano le pareti dell’intero salone.
Il potenziamento della fruizione dell’affresco non è tuttavia l’unico effetto che l’opera di Pozzi produce. L’artista offre suggestioni derivanti dalla traduzione visiva di alcune moderne teorie della fisica, giungendo ad immaginare l’invisibile. The Grandfather Platform, nel mutare la prospettiva sul fregio dal livello terra del salone al livello sopraelevato della piattaforma, evoca l’imprescindibilità del punto di vista, principio caro alla meccanica quantistica. Ma Pozzi si spinge anche oltre, creando un cunicolo spaziotemporale all’interno del quale il visitatore potrà metaforicamente viaggiare nel tempo, dal presente all'origine della fondazione di Roma, epicentro della nascita non solo del nostro paese ma dell'Europa intera. Spaziando dalla storia dell’arte contemporanea a quella moderna, grazie ad un collegamento immediato tra due regioni prima remotissime.

Per lo spettatore – spiega la curatrice della mostra, Maura Pozzati - sarà possibile raggiungere un diverso stato meditativo a 4 metri d’altezza tra il passato, la storia dell’arte e il presente, tra la verticalità della pittura e l’orizzontalità del piano stesso. Un'infrastruttura fisica ma al tempo stesso illusionistica che, facendo proprie le ardite tecniche dei Carracci, arriva a simulare la presenza di un gigantesco buco nero grazie ad un collage digitale riprodotto sulla moquette dove poter camminare anche scalzi. Il visitatore si troverà tra la Rosetta Mission dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), il Fermi Telescope (Nasa e INFN) e il Laser Interferometer Space Antenna (LISA) il cui lancio è previsto solo nel 2034”.

Secondo l’autore Luca Pozzi, artista visivo e mediatore culturale, “Siamo abituati a pensare al tempo come a qualcosa di lineare, ma il tempo non è uguale per tutti, dipende da come lo tagli a che velocità lo percorri e a quanto interagisci con le cose che ti circondano. Per questo mi sono ispirato al Grandfather Paradox per l'installazione di Palazzo Magnani, un paradosso di fisica teorica che descrive questa non linearità nelle sue più estreme conseguenze. Il risultato è una specie di macchina del tempo di proporzioni ambientali pensata per connettere comunità distanti, visionarie discipline e diverse culture bypassando i confini geografici, politici e linguistici. Se lo spazio-tempo è una ragnatela, allora una mia interazione con la rete qui e ora farà vibrare quello che è successo più di duemila anni fa”.

L'installazione permetterà tra l’altro di sperimentare gli effetti emozionali della realtà aumentata scaricando l’app ideata da Pozzi e predisposta da Bepart, partner tecnico del progetto.

La mostra, che continua nelle sale adiacenti con uno scatto fotografico del "Wilson Tour Carracci" e “Dragon’s Eggs”, sculture in bronzo lucidate a specchio equipaggiate da una serie di rivelatori di particelle realizzati in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, sarà visitabile fino al 30 marzo 2018 nei seguenti orari: ogni mercoledì dalle 10 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 20; il giovedì e il venerdì dalle 14,30 alle 18; sabato 10 marzo dalle 10 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.

@ Riproduzione riservata

di Redazione


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012