Testata Arte e Imprese ilgiornaledellarte.comilgiornaledellarte.com


CONDIVIDI Condividi su Facebook

NOTIZIE

Un paradiso di caffè a Venezia

Inaugura oggi nella sua nuova veste lo storico caffè Paradiso, all’ingresso dei Giardini della Biennale. La firma Cino Zucchi, l’architetto della Nuvola di Torino, con l’artista e designer Elena Salmistraro e il contributo di Lavazza

Da New York a San Pietroburgo, da Torino a Venezia e Milano, Lavazza ha una lunga storia di promozione dell’arte e della cultura.

Con il restauro, che si inaugura oggi, promosso da Lavazza, degli interni dello storico caffè Paradiso, strategicamente collocato all’ingresso dei Giardini della Biennale da sempre luogo storico di incontro e svago (non a caso frequentato in passato da Rodin, Klimt, Kandinskij, Picasso e Warhol) si aggiunge un nuovo e importante tassello a Venezia. Lavazza ha scelto di affidare il progetto di rinnovamento degli interni a Cino Zucchi, l’architetto del quartier generale a Torino, la Nuvola. Lo affianca l’artista e designer Elena Salmistraro.

«Un bar è una piazza in miniatura, spiega Zucchi. Il nuovo bancone del caffè Paradiso è concepito come un piccolo caleidoscopio dove vengono riflesse le vicende quotidiane. Forme e materiali contemporanei generano risonanze inaspettate con le figure della tradizione veneziana, dalle specchiere molate al costume di Arlecchino». E proprio con le losanghe astratte di Arlecchino dialogano le soluzioni grafiche di Elena Salmistraro, «ottenute tramite la scomposizione della pianta del caffè, in tutte le sue forme e porzioni». L’obiettivo? «Lo spettacolo immaginario del paradiso del caffè, una sorta di nuovo eden», ci spiega.

@ Riproduzione riservata

di Alessandro Martini


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Copertina RA Sponsor novembre 2011

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012