Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Roma

Lo squadrone di Caravaggio

Proseguono le celebrazioni del quarto centenario del Merisi, che a Palazzo Venezia è attorniato da compagni, comprimari e seguaci

Michelangelo Merisi da Caravaggio (Milano, 1571 – Porto Ercole, 1610) Madonna di Loreto 1605 ca. Olio su tela, cm 260 × 150 Roma, chiesa di sant’Agostino

Roma. È a cura di Rossella Vodret, soprintendente al Polo museale romano ed esperta del pittore, la rassegna «Roma al tempo di Caravaggio 1600-1630», allestita a Palazzo Venezia dal 16 novembre al 5 febbraio con il supporto organizzativo di Civita e Munus (catalogo Skira). Si tratta dell’atto finale di una lunga serie di iniziative legate al IV centenario della morte del pittore caduto lo scorso anno. Centoquaranta dipinti in arrivo anche dall’estero, alcuni mai esposti in Italia, risponderanno alla domanda di base su chi furono i comprimari, i compagni di strada e i seguaci di un artista che in quindici anni rivoluzionò in senso profondamente moderno la pittura. La Roma tra il 1595, quando in città giunsero sia il giovane lombardo Caravaggio sia il classicista bolognese Annibale Carracci chiamato ad affrescare Palazzo Farnese, e il 1635 in pieno papato di Urbano VIII Barberini è la città delle grandi committenze pubbliche e private, del collezionismo raffinato e antiquario, il polo d’attrazione dove passa buona parte dei migliori maestri italiani e un nutrito gruppo di stranieri (francesi, spagnoli e fiamminghi), calamitati dalla cultura illuminata, dal fiorire delle novità, dalla liberalità di quelle antiche famiglie aristocratiche che ricoprivano anche le più alte cariche ecclesiastiche,  fino al soglio pontificio.
Gli inizi di questo periodo e della mostra sono segnati dal confronto diretto tra i due giganti, approdati quasi contemporaneamente a Roma e scomparsi in stretta successione: nel luglio 1609 Carracci, nel luglio 1610 Caravaggio. L’accostamento delle rispettive versioni della «Madonna di Loreto», mai prima effettuato nonostante le opere siano entrambe a Roma ma in chiese diverse (Sant’Onofrio al Gianicolo e Sant’Agostino), è fondamentale ai fini scientifici della mostra. Tra tele religiose e profane, destinazioni pubbliche o private, il percorso si snoda sulla scia degli insegnamenti lasciati da questi due grandi maestri. Da un lato c’è il gruppo di bravissimi pittori conterranei di Annibale che lo avevano seguito a Roma, il Domenichino, Lanfranco, Guido Reni e Francesco Albani, che portano avanti il suo discorso classicista. Dall’altro c’è una piccola schiera di artisti di diversa età e provenienza che ammoderna il suo linguaggio seguendo il naturalismo caravaggesco: Orazio e Artemisia Gentileschi, Carlo Saraceni, Orazio Borgianni e Bartolomeo Manfredi, talenti stranieri come Honthorst (Gherardo delle Notti) e Ribera (lo Spagnoletto). Poi ci sono i valenti francesi Valentin de Boulogne e Simon Vouet, i due fondamentali passaggi di Rubens a Roma, gli intrecci e gli scambi continui con le scuole toscana, emiliana, genovese e lombarda.
Per la prima volta in Italia è esposto anche il «Sant’Agostino» attribuito di recente, non senza polemiche, a Caravaggio, a cui sarà dedicata una giornata di studi, unico altro dipinto del maestro in mostra.

© Riproduzione riservata

di Federico Castelli Gattinara, da Il Giornale dell'Arte numero 314, novembre 2011


  • Michelangelo Merisi da Caravaggio (attribuito), «Sant’Agostino» 1600 ca, Londra, collezione privata
  • ARTEMISIA GENTILESCHI Roma 1593 - Napoli 1653 Susanna e i Vecchioni 1610 Olio su tela, cm 170x119 Pommersfelden, Collezione Graf von Schönborn, inv. 191
  • Carlo Saraceni, «Madonna con Bambino e sant’Anna», olio su tela, cm 180x155 Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Barberini

Ricerca


GDA ottobre 2017

Vernissage ottobre 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere a Firenze e in Toscana 2017

Vedere in Puglia e Basilicata 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012