Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Graffiti


Graffiti

La Venere riseppellita

«…La Venere (di Morgantina, Ndr) è stata inghiottita dalla decadenza alla spicciolata. Sono stato a vederla il mese scorso. Ho posteggiato l’auto davanti all’ingresso principale del museo, ho contato in quel giorno tredici visitatori. Ad Aidone la Venere è chiamata “la dea”, forse perché è più giunonica che erotica. Grande e imponente sembra in prigione in quella stanzetta bianca. A Los Angeles era onorata dal mondo, la più vista, la più cercata. Esportata in America dai tombaroli che l’avevano disseppellita è come se fosse stata di nuovo seppellita ad Aidone. Nella cameretta accanto ci sono gli acroliti, chissà perché vestiti con un tristissimo scialle grigio dalla stilista Marella Ferrera. Il museo è ricco dei reperti che i tombaroli hanno scartato. Il barone Vincenzo Cammarata, un numismatico che gira con le monete antiche in tasca e che per il trafugamento della Venere fu arrestato, parlò in un’intervista di tre statue, poi chiese scusa, disse che si era sbagliato: boh. Ogni tanto la polizia fa irruzione in case private che sembrano musei, a Enna, a Catania, a Palermo e chissà dove.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Francesco Merlo, da Il Giornale dell'Arte numero 312, settembre 2011


Ricerca


GDA maggio 2017

Vernissage maggio 2017

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2017

Focus on Boetti maggio 2017

Vedere a ...
Vedere a Venezia e in Veneto 2017

Vedere a Milano 2017

RA Arte Contemporanea 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012