Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Economia


Londra

Gli italiani Poveri compiono 50 anni: viaggeranno solo con licenza

Case d’asta e mercanti chiedono che l’Italia riveda le restrizioni sulla circolazione delle opere: l’Arte povera, che sul mercato registra un indiscutibile successo, dovrà chiedere il nulla osta per andare all’estero

Le aste londinesi di questo mese sono ricche di un numero senza precedenti di opere di artisti italiani degli anni Cinquanta e Sessanta; il numero di lotti delle Italian Sales registra un rialzo del 52% rispetto al 2012. Ben in vista son stati i lavori di Arte povera. Questo movimento, che usava materiali comuni, è ritenuto uno dei più importanti del XX secolo ed è considerato influente da diversi artisti come Paul McCarthy, Bruce Nauman, Richard Serra e gli Young British Artists. La definizione «Arte povera» venne coniata nel 1967 dal curatore e critico Germano Celant, ma molte opere sono riferibili a un anno anteriore a questo termine cronologico e, a causa delle strette regole italiane sull’esportazione di opere con più di cinquant’anni di età, molti lavori stanno per entrare in un regime di restrizione per la loro circolazione.
A termini di legge, qualunque opera d’arte che sia più vecchia di 50 anni o il cui autore sia scomparso ha bisogno di una licenza per essere esportata (temporaneamente o stabilmente), anche se è stata in Italia per un breve periodo.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Julia Halperin e Ermanno Rivetti, da Il Giornale dell'Arte numero 346, ottobre 2014


Ricerca


GDA novembre 2017

Vernissage novembre 2017

Sovracoperta GDA novembre 2017

Focus on Figurativi 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012