Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Vernissage


Firenze, New Orleans e Parigi

La follia dell'artista demiurga è cosmica e cosmetica

L’enciclopedismo come perversione nel film di Camille Henrot: «Raggruppare oggetti e conoscenza può essere devastante per la natura e le culture, ma anche per chiunque si trovi a dover maneggiare l’immensità di questi dati e a confrontarsi con i confini della vita umana»

Un particolare di «The Pale Fox» (2014). © Foto Andreas Sune Berg.

Camille Henrot (Parigi, 1978) ha vinto l’anno scorso il Leone d’Argento alla Biennale di Venezia con «Grosse Fatigue». Ora il film è al centro della mostra, curata da Martin Béthenod, che il Museo Gucci di Firenze le dedica dal 3 ottobre all’8 febbraio, oltre che a essere proposto alla biennale «Prospect New Orleans» nell’ambito di «Prospect 3: Notes for Now» dal 25 ottobre al 25 gennaio. Il film è stato realizzato per una borsa di studio alla Smithsonian Institution di Washington ed è un’inarrestabile successione di immagini che si aprono sul video come i pop-up sullo schermo di un computer. Attraverso sequenze colorate e stilizzate di mani che toccano gli oggetti più diversi, dalle batterie alle spugne, per giungere a immagini prese dai libri e da internet e a sequenze di masturbazione, «Grosse Fatigue», nel quale ricorrono i reperti della Smithsonian Institution, il più grande complesso museale e scientifico del mondo, che ha sostenuto la realizzazione dell’opera nell’ambito dello Smithsonian Artist Research ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Vincent Noce, da Il Giornale dell'Arte numero 346, ottobre 2014


  • Fotogramma dal film «Grosse Fatigue» (2013) presentato sia al Museo Gucci sia alla biennale di New Orleans «Prospect New Orleans». © ADAGP Courtesy Camille Henrot, Silex Film and kamel memmour, Paris.
  • Una veduta della mostra «The Pale Fox» (2014). Foto Andreas Sune Berg.
  • Fotogramma dal film «Grosse Fatigue» (2013) presentato sia al Museo Gucci sia alla biennale di New Orleans «Prospect New Orleans». © ADAGP Courtesy Camille Henrot, Silex Film and kamel memmour, Paris.
  • Camille Henrot. Foto Joakim Bouaziz.
  • La scultura «Tevau» (2009) esposta al Museo Gucci di Firenze. © Camille Henrot. Courtesy the Artist and kammel menour, Paris foto Marc Dormage

Ricerca


GDA giugno 2017

Vernissage giugno 2017

Focus on Boetti maggio 2017

Vedere a ...
Vedere in Friuli Venezia Giulia 2017

Vedere in Sicilia 2017

Vedere a Venezia e in Veneto 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012