Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro


L’Accademia di Brera apre in bellezza

Milano. All’inaugurazione dell’anno accademico, il 14 gennaio, l’Accademia di Belle Arti di Brera si presenterà con un nuovo volto, dopo anni di grave degrado: si sono infatti appena completati i restauri di alcuni suoi spazi e di sei gessi storici della sua Gipsoteca. Promossi dal presidente Marco Galateri di Genola e dal direttore Franco Marrocco, che hanno raccolto molta parte dei fondi (400mila euro) con il fundraising, i lavori hanno interessato intonaci, porte e finestre dei corridoi e della Sala Napoleonica dopo accurate indagini stratigrafiche e termografiche e ispezioni georadar. È stato poi potenziato l’impianto di videosorveglianza per proteggere i gessi storici dai vandalismi di cui sono talora oggetto (di recente è accaduto al Fauno Barberini).
Intanto, mentre si catalogava il patrimonio dei gessi e degli altri beni dell’Accademia (archivio, biblioteca, quadreria, gabinetto disegni e stampe, fototeca e arredi storici), i sei calchi più antichi e preziosi (Ercole Farnese e Flora Farnese, acquisiti tra il 1776 e il 1790, e Menelao e Patroclo, Pallade di Velletri, Fauno Barberini e Leone Barberini, acquistati tra il 1801 e il 1806) sono stati restaurati dalla Scuola di Restauro Arrigo Boito dell’Accademia, diretta da Luciano Formica. Centomila euro sono destinati al nuovo deposito dei gessi, visitabile su richiesta, che si aprirà nei sotterranei del Palazzo di Brera.

di Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 349, gennaio 2015


Ricerca


GDA dicembre 2017

Vernissage dicembre 2017

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017

Focus on Figurativi 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012