Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Parigi

Finis Italiae, esuberante e Liberty

Al Musée d’Orsay le nostre arti decorative dal 1900 al 1940

Sedia di Carlo Bugatti del 1902, Parigi, Musée d’Orsay. © Musée d’Orsay, Dist. RMN-Grand Palais/Patrice Schmidt

La prima mostra dedicata alle arti decorative italiane del Novecento organizzata da un grande museo europeo s’intitola «Dolce Vita? Arte decorativa italiana 1900-1940, dal Liberty al design industriale» e si apre al Musée d’Orsay dal 14 aprile al 13 settembre. Voluta da Guy Cogeval, presidente del d’Orsay e cultore dell’arte italiana, probabilmente anche per via del côté materno piemontese, ha coinvolto nel comitato scientifico Beatrice Avanzi, conservatrice del museo, e le storiche Irene de Guttry e Maria Paola Maino, pioneristiche studiose e divulgatrici delle arti decorative italiane del secolo scorso. «Il titolo della mostra, evocatore di memorie felliniane, spiegano le due curatrici, è un’idea di Cogeval e vuole, con il punto di domanda, rendere l’idea dell’attitudine degli italiani che, in quei 40 anni, danzavano sull’orlo del baratro senza rendersi conto del disastro cui stavano andando incontro. L’esuberanza creativa degli oggetti in mostra, la loro raffinatezza ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Carla Cerutti, da Il Giornale dell'Arte numero 352, aprile 2015



Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012