Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Napoli e Pompei

La vita rinasce dalla cenere

L’influenza degli scavi: duecento anni in due sedi

Ricordare non tanto la tragica fine di Pompei, quanto la sua riscoperta a seguito degli scavi del 1748 e raccontare dunque la rinascita di uno dei siti archeologici più famosi del mondo attraverso la straordinaria influenza da esso esercitata sul linguaggio artistico e il gusto europeo del XVIII e del XIX secolo, fino ai bombardamenti del 1943: questa l’idea alla base della mostra «Pompei e l’Europa. 1748-1943», curata da Massimo Osanna, Luigi Gallo e Maria Teresa Caracciolo e allestita dal 26 maggio al 2 novembre al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e all’Anfiteatro di Pompei. A Napoli duecento anni di storia sono condensati lungo un percorso che sovrappone antico e moderno attraverso circa 250 opere provenienti da musei italiani e stranieri. Dal continuo confronto tra pezzi archeologici e dipinti, disegni, fotografie, oggetti, stampe e progetti architettonici ispirati alla vita della città sepolta dal Vesuvio, è possibile cogliere gli influssi che le antichità pompeiane ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Laura Sudiro, da Il Giornale dell'Arte numero 353, maggio 2015


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012