Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia


Pisa

L’inglese erratico

Il termine «Erratics» identifica, in geologia, le rocce trasportate a fondo valle da un ghiacciaio. Al suo ritirarsi, rubate alla loro posizione originale, esse assumono una nuova, casuale composizione.
Questa premessa dà origine a «The Erratics», titolo della prima mostra personale in Italia dell’inglese Darren Harvey Regan, classe 1976, alla Galleria Passaggi di Pisa fino al 27 giugno. Due distinte serie di fotografie inedite, «The Erratics (exposure)» e «The Erratics (wrest)», compongono l’esposizione. Se, da un lato, è in Egitto che Regan si reca per documentare le conformazioni rocciose del deserto, erose dalla sabbia e dal vento, al contrario è all’interno del suo studio che prendono forma le sculture in gesso, fotografate in un secondo momento. Nel primo caso, Regan ricerca il contatto con la realtà, nel secondo se ne allontana. Questo conflitto tra astrazione ed empatia che caratterizza la presenza di ogni essere umano nel mondo, oggetto dell’omonimo saggio di Wilhelm Worringer del 1908, è il motore dell’operato dell’artista.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Ilaria Speri, da Il Giornale dell'Arte numero 353, maggio 2015


Ricerca


GDA ottobre 2017

Vernissage ottobre 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere a Firenze e in Toscana 2017

Vedere in Puglia e Basilicata 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012