Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Opinioni


La solitudine del satiro

Lasciateci i libri per studiare

A Torino gli studenti protestano per la drastica riduzione degli orari della Biblioteca d’arte

La battaglia civile che gli studenti di storia dell’arte dell’Università di Torino stanno conducendo per riacquisire la libertà di accedere alla Biblioteca d’arte della Gam dopo la drastica riduzione della sua apertura (cfr. lo scorso numero, p.1) è una vicenda che non può che appassionare e farci sentire partecipi. Tra i loro numerosi comunicati, diffusi tra gli organi di stampa e molte risorse della rete, ricordo quello ricevuto all’indirizzo mail dei docenti del Dipartimento di Studi Storici dell’Università torinese, all’indomani della loro vibrante protesta indirizzata al Consiglio direttivo della Fondazione Torino Musei. Senza alcuna retorica, ma con lo sguardo limpido di chi crede nella costruzione del proprio futuro, gli studenti chiedevano spiegazioni del ridimensionamento degli orari di consultazione, auspicando un incontro pubblico su questo tema delicato e prendendo congedo con questa nota indimenticabile: «Noi siamo gli studenti sui quali questa città deve puntare». Inutile dire che la coincidenza tra la riduzione dei servizi della più aggiornata Biblioteca d’arte di Torino e l’inaugurazione nella stessa città di progetti museali faraonici (ed è al rinnovato Museo Egizio che ci riferiamo), per la regia di istituzioni pubbliche «sorelle», suona perlomeno sinistra. Ma non è questo il punto su cui valga la pena ora intervenire, anche perché in tutta Italia da parecchio tempo l’ordinaria amministrazione passa sempre in secondo piano rispetto ai grandi eventi. È la sfida di Davide contro Golia che rende merito a questo gruppo di studenti, dopo anni in cui il loro percorso di studi ha visto costantemente ridimensionate le prospettive di lavoro, per la mancanza di investimenti nella politica dei beni culturali da parte dei Governi che si sono succeduti al potere: pochi, se mai ce ne sono stati, concorsi per le Soprintendenze, i musei, le biblioteche, gli archivi… Per non parlare delle trafile lunghissime per accedere all’insegnamento. Ma Davide non si arrende e combatte per avere almeno accesso costante ai libri, beni primari della nostra educazione. La forza spontanea dell’iniziativa di questi studenti è un propellente meraviglioso per continuare a credere nell’importanza degli studi e della ricerca, una spinta che sale dal «basso» e che ci deve rendere orgogliosi di sapere che esistono dei giovani fiduciosi nel futuro in questo momento triste per loro, per tutti noi. Si vorrebbero leggere adesioni a questa o a simili proteste sulle pagine dei giornali, magari a firma di storici dell’arte «vecchi» e affermati, scossi finalmente dal torpore che li vede troppo spesso spendere tempo ed energie per scrivere pezzi di lancio di mostre anche inverosimili nelle pagine a pagamento dei grandi quotidiani nazionali.

di Alessandro Morandotti, da Il Giornale dell'Arte numero 354, giugno 2015


Ricerca


GDA giugno 2017

Vernissage giugno 2017

Focus on Boetti maggio 2017

Vedere a ...
Vedere in Friuli Venezia Giulia 2017

Vedere in Sicilia 2017

Vedere a Venezia e in Veneto 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012