Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri


Il senso degli inglesi per le pietre dure

Lo stipo di Sisto V dalle stanze papali a Stourhead

Un disegno di Giovanni Battista Montano

Nel 1740, quando il banchiere inglese Henry Hoare visitò Roma, arrivò in città anche Giovanni Battista Piranesi, colui che più di altri doveva cambiare le vicende del gusto. Hoare si invaghì dell’aura classica, ma il migliore fra i suoi acquisti fu un oggetto curioso, uno stipo di ebano ricoperto di pietre dure e di alabastri, trovato fra i beni dell’ultima discendente di Sisto V. Hoare non fu il solo inglese a interessarsi a quel genere di manufatti: i romani, incostanti nelle mode, si disfecero nel Settecento di molti lavori del genere, arredi in pietre colorate eseguiti fra la seconda metà del Cinquecento e il secolo successivo. La quantità di stipi manieristi ascrivibili a botteghe romane e di piani di tavolo con intarsi di marmi colorati conservati ancora oggi in Inghilterra è grande. Con il loro censimento si apre il ricchissimo volume di Simon Swynfen Jervis e Dudley Dodd sul cosiddetto Stipo di Sisto V, un censimento in cui vengono accostati anche oggetti non di provenienza romana come gli stipi e i tavoli in sole pietre dure di manifattura fiorentina. A Roma fra Cinque e Seicento si eseguivano con le pietre dure opere stilisticamente diverse da quelle della Galleria Medicea, e lo stipo studiato nel libro è l’esempio più alto di una tecnica che privilegiò i contrasti cromatici rispetto al naturalismo dei fiorentini.
Il mobile è un edificio a tre piani, con un’edicola alla sommità: l’aggetto centrale e le colonne arretrate alla base creano l’illusione che si tratti di un edificio a pianta centrale, un alto tabernacolo, e con questo termine, infatti, venne descritto nel 1713 nell’ultimo documento romano che lo riguarda. Nel volume si propone che il mobile sia stato commissionato dallo stesso Sisto V (Felice Peretti, 1585-90) e si ripercorre la storia dei suoi proprietari e dei luoghi dove lo stipo fu alloggiato, dalla loggia sul Palazzo Felice, la dimora edificata da Peretti al centro della sterminata villa sull’Esquilino, dove lo stipo compare per la prima volta in un inventario del 1655, alle stanze di Stourhead dove è ancora oggi custodito. Restano ignoti, come accade ancora spesso con manufatti romani del genere, gli autori materiali di quell’arredo: si possono per ora fare solo ipotesi, persino sull’architetto che dovette disegnarlo. Gli autori giustamente ricordano il nome di Domenico Fontana, impiegato costantemente da Sisto V nell’esteso rimodellamento di Roma, ma anche nelle commissioni private come la villa e il proprio mausoleo, quella Cappella del Presepe nella Basilica di Santa Maria Maggiore che, non a caso, troneggiava alla fine di uno dei viali della villa stessa. L’oggetto è insolito, un capolavoro isolato; i paragoni architettonici appaiono spesso inefficaci perché riferiti a edifici veri e propri. Vorremmo qui suggerire di guardare anche ai pensieri di un intagliatore e architetto che si fece una fama come progettista ed esecutore di tabernacoli e organi, e cui fu commissionato persino il modello ligneo della più straordinaria impresa in pietre dure mai concepita, la Cappella dei Principi di Firenze, Giovanni Battista Montano. Alcuni suoi disegni sembrano corrispondere al gusto complesso di quegli ultimi tre decenni del Cinquecento che lo stipo esprime.


Roman Splendour, English Arcadia. The English Taste for Pietre Dure and the Sixtus Cabinet at Stourhead, di Simon Swynfen Jervis, Dudley Dodd, 242 pp., ill., National Trust, Philip Wilson Publishers, Londra 2015, € 75,00

di Roberto Valeriani, da Il Giornale dell'Arte numero 354, giugno 2015


  • Lo stipo di Sisto V

Ricerca


GDA gennaio 2018

Vernissage gennaio 2018

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2018

Vedere a Napoli 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012