Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Londra

Multinazionale Hepworth

La Tate Britain valorizza la risonanza internazionale della scultrice inglese

Londra. È quanto meno significativo che la carriera di Penelope Curtis, direttore uscente della Tate Britain, si concluda con una retrospettiva di Barbara Hepworth. La Curtis, al museo dal 2009 dov’era giunta dall’Henry Moore Insitute di Leeds, ha portato alla Tate la sua passione per la scultura moderna inglese, attraverso mostre tra cui la retrospettiva di Henry Moore nel 2010. Ora è cocuratrice della mostra «Barbara Hepworth: Sculpture for a Modern World» (dal 24 giugno al 25 ottobre) insieme a Chris Stephens, curatore capo della Tate. «La mostra di Barbara Hepworth è una scelta naturale che arriva al momento giusto», afferma il mercante Robert Bowman, specializzato in scultura. Quando aprì nel 2011, il target annuale della Hepworth Wakefield Gallery era di 150mila visitatori all’anno, obiettivo raggiunto già nelle prime cinque settimane (la Hepworth nacque a Wakefield nel 1903, anche se il suo nome è più associato a quello di St. Ives, dove visse dal 1950 al 1975, anno della morte).
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Melanie Gerlis, da Il Giornale dell'Arte numero 354, giugno 2015


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012