Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Bonn

A New York la pittura perdura

Nonostante la globalizzazione, il dominio della pittura europea negli anni Novanta con gli Young British Artists, l’esplosione della moda della pittura esteuropea, cinese e indiana e da ultimo quella mediorientale abbiano reso consapevoli di come il centro vitale della produzione artistica abbia da tempo lasciato gli Stati Uniti e New York, quest’ultima conosce oggi un rinnovato splendore artistico. Dato l’alto numero di artisti (chi più chi meno importante) che vivono e lavorano a New York, appare evidente che la Grande Mela non ha perso nulla del suo fascino. Soprattutto per quel che riguarda la pittura: la scena newyorkese continua ad attrarre artisti anche dalla vivace West Coast e oggi, a metà del secondo decennio del XXI secolo, la pittura a Manhattan e dintorni è vivace come ai tempi dell’Espressionismo astratto negli anni Cinquanta e della Pop art negli anni Sessanta: l’unica differenza è la pluralità di stili e forme espressive. La pittura newyorkese vive oggi una fase di rinascita grazie a una generazione di artisti che esulano da ogni schema operativo e identificativo.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

G.P.M., da Il Giornale dell'Arte numero 354, giugno 2015


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012