Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

New York

Gli italiani di Bonami: 13,8 milioni

Da Phillips 6 milioni per uno Gnoli del 1969 e 1,5 per un arazzo di Boetti del ’58

Ha incassato 13,8 milioni di euro l’asta «The Great Wonderful: 100 anni di arte italiana» curata da Francesco Bonami e tenuta da Phillips il 13 maggio a Manhattan. L’asta ha venduto 40 dei 63 lotti in catalogo. Il prezzo più alto è stato spuntato da un’opera di Domenico Gnoli, «Shirt collar size 14 1/2», acrilico e sabbia su tela del 1969 di 170x130 cm, che è stata venduta a 6 milioni di euro (contro stime di 6,1-7,9 milioni). Secondo posto nella lista dei top lot per «Mappa» del 1988 ca di Alighiero Boetti, arazzo di 118,1x218,4 cm che è passato di mano a 1,58 milioni di euro su una valutazione di 1,3-1,7 milioni. Il terzo prezzo dell’asta è toccato a Giuseppe Penone, che aveva «Idee di pietra», un’opera in bronzo e granito grigio fluviale del 2003-2007. Il prezzo di aggiudicazione finale, diritti compresi, è stato di 1,16 milioni di euro (le quotazioni in catalogo oscillavano tra gli 1,3 e i 2,1 milioni). Tra le opere moderne una «Natura morta» del 1953 di Giorgio Morandi, olio su tela di 29,8x43,8 cm, che era stimata tra 900mila e 1,3 milioni, ha cambiato titolare per 845mila euro.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

da Il Giornale dell'Arte numero 354, giugno 2015


Ricerca


GDA ottobre 2018

Vernissage ottobre 2018

Vedere a Matera 2018

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012