Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Ginevra e New York

Pazzi per le perle

Prosegue la tendenza, già avvertita l’anno scorso, in un settore nevralgico per le case d’asta. A comprarle perlopiù investitori del Sud-est asiatico

Pare alle viste un cambiamento epocale nel mercato dei gioielli nelle case d’asta. Dopo più di 20 anni di dominio assoluto di Christie’s, Sotheby’s ha realizzato due «colpacci» sia a New York sia a Ginevra questa primavera.
Ha venduto per più di 65 milioni di dollari in aprile a New York contro quasi 42 milioni per Christie’s e, ancora più significativo, quasi 162 milioni di dollari a Ginevra in maggio a fronte di soli 97,5 milioni per Christie’s.
Il gap tra le due case si sta allargando. Precedentemente le «fette» di mercato erano del 55% per Christie’s contro il 45 per Sotheby’s, per queste due aste il vantaggio è di Sotheby’s: 61% contro 39%,  Certo, siamo appena a metà dell’anno, ma non sarà facile per Christie’s riprendere la leadership.
È sicuramente un’ottima notizia per Sotheby’s, dopo i risultati contrastanti di New York per le aste di arte del XX secolo che hanno visto invece la netta supremazia della sua diretta concorrente. Il mercato dei gioielli, che è rimasto indietro rispetto a quello dell’arte del Novecento dopo gli ultimi risultati di quest’anno, rimane tuttavia trainante per le case d’asta.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Bruno Muheim, da Il Giornale dell'Arte numero 354, giugno 2015


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012