Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Vittorioso


Montanari non tiene vergogna

Dopo avere sostenuto, promosso e difeso, in diverse sedi, un’impresentabile ciofeca, con il suo avallo esposta al Quirinale come un grande capolavoro prossimo a Leonardo, in verità una miserabile derivazione da un disegno della «Battaglia di Anghiari», non prima che seicentesco, e del valore reale, a Porta Portese, di 2mila euro (come sa bene il suo amico antiquario Fabrizio Moretti), Tomaso Montanari è andato alla carica dei Frati di Assisi e del loro storico e bravissimo restauratore, Sergio Fusetti, denunciando un danno irreparabile agli affreschi di Simone Martini, con foto taroccate del prima e del dopo restauro in prima pagina di «la Repubblica”. Un’azione criminale che gli è costata la postazione privilegiata sul giornale (oggi scrive in 45ma), giacchè quegli affreschi non sono stati toccati e l’ultimo intervento risale al 1968. Semplicemente Montanari ha sbagliato affreschi. Soltanto la malafede spiegherebbe questa squallida mascalzonata, ma è probabile che, non essendo stato in loco, Montanari si sia innamorato dello scandalo annunciato.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Vittorio Sgarbi, da Il Giornale dell'Arte numero 354, giugno 2015


Ricerca


GDA gennaio 2018

Vernissage gennaio 2018

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2018

Vedere a Napoli 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012