Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro


Al Salone di Firenze i restauratori presentano il loro «Manifesto» in 23 punti

Restauratori dell'Opd al lavoro

Firenze. Il mondo dei restauratori è da troppo tempo ai margini del dibattito sul sistema di tutela. L’«Elenco» dei «Restauratori di Beni Culturali», che comprenderà l’élite del restauro, punto di riferimento obbligato per ogni intervento sulle opere d’arte, previsto dal Codice dei Beni culturali del 2004, dopo 12 anni non esiste ancora.
Occasione per dibattere dell’intero problema sarà il V Salone del Restauro di Firenze. L’11 novembre verrà presentato il «Manifesto del Restauro Italiano» (che qui alleghiamo)  un importante documento frutto di un lungo lavoro elaborato da un ampio gruppo di specialisti del settore e firmato dall’associazione Restauratori senza frontiere. A parlarne al Salone saranno il presidente dell’associazione, Paolo Pastorello, Marisa Laurenzi Tabasso, che guida il comitato scientifico e Giorgio Bonsanti, membro dello stesso comitato.  
Il Manifesto vuol dare risposte ai tanti problemi del restauro e intende anche aprire una discussione sui 23 articoli che compongono il documento. Si parte dai principi base del valore dei beni culturali a cominciare dall’Art. 1 che ricorda il «rango primario dell’interesse pubblico alla tutela del Patrimonio Culturale, così come sancito dall’articolo 9 della Costituzione Italiana». Viene poi ripetuta la necessità che siano veri esperti a occuparsi della conservazione dei beni culturali con programmi e azioni coordinati perché  «il restauro e la conservazione dei Beni Culturali sono attività interdisciplinari che richiedono la collaborazione tra professionisti specializzati, che collaborino all’iter progettuale dal livello Preliminare fino a quello Esecutivo». Principi e modi di intervento in parte già previsti dal Codice dei Beni Culturali che non sempre vengono rispettati mettendo a rischio il nostro prezioso patrimonio.
Il Manifesto contiene poi una serie di punti specifici che indicano l’importanza di garantire il ruolo strategico del «Restauratore di Beni Culturali» nelle azioni di conservazione e restauro, come del resto stabilisce la legge.

Articoli correlati:
Firenze, alluvioni e terremoti al centro del quinto Salone dell'Arte e del Restauro


Aggiornato l'11 novembre 2016 alle 14.25 con l'aggiunta del testo del «Manifesto del Restauro Italiano»

di Edek Osser, edizione online, 9 novembre 2016



Ricerca


GDA marzo 2017 Vernissage marzo 2017

Vedere a ...
Vedere a Bologna gennaio/febbraio 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012