Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Jeff Koons «regala» a Parigi un mazzo di tulipani

È una gigantesca e iper realista opera in bronzo che dal 2017 dovrebbe (mancano ancora le autorizzazioni) troneggiare in place de Tokyo. «Un omaggio all'amicizia e un segnale di ottimismo» dopo gli attentati di un anno fa. Ma per realizzarla servono 3 milioni di euro, da reperire con una colletta

Un render di «Bouquet of Tulips» di Jeff Koons © Jeff Koons, courtesy Noirmontartproduction

Parigi. Jeff Koons ha annunciato di voler fare un regalo alla città di Parigi. Offrirà una sua opera inedita e monumentale dal titolo «Bouquet of Tulips», una gigantesca mano di donna, iper realistica, che stringe un mazzo di tulipani.
L’opera, in bronzo policromo, alta quasi 12 metri e di un peso pari a circa 33 tonnellate, dovrebbe prendere posto nel 2017 in place de Tokyo, ai piedi della colonnata tra il Palais de Tokyo e il Musée d’art moderne de la ville de Paris. Un «omaggio all’amicizia» che unisce la Francia e gli Stati Uniti da più di 200 anni ed un «segnale di ottimismo» dopo gli attentati terroristici del 13 novembre 2015, ha spiegato l’artista americano padre del «Balloon Dog». Un regalo dunque.
Di fatto fabbricare l’opera costerebbe 3 milioni di euro, stando alle informazioni dell’Agence France Presse, e per riunire la somma è stata lanciata una colletta di fondi tra i mecenati privati, francesi e americani. Per Koons, il più quotato degli artisti viventi, potrebbe essere una bella operazione di comunicazione. L’idea però non è sua. È di Jane D. Hartley, ambasciatrice degli Stati Uniti per la Francia e Monaco. La sindaca socialista di Parigi, Anne Hidalgo, ha accettato volentieri: Parigi, ha scritto in un comuncato «sarà felice di accogliere» l’opera di Koons che «conferma a che punto la città è dinamica e attraente per il settore dell’arte contemporanea». Si aspettano tuttavia ancora le dovute autorizzazioni per l’installazione dell’opera. Pare che non sia stato ancora chiesto l’accordo degli architetti in carica dei monumenti storici. Per Koons, che ha dato un’intervista esclusiva a «Le Figaro», «è un’idea spettacolare. Jane D. Hartley mi ha chiamato per dirmi che voleva fare un gesto verso i francesi e ne abbiamo parlato a lungo. Diverso tempo fa, ha raccontato l’artista, avevo fatto la foto di una mano con un bouquet di fiori, mi piaceva molto il significato che veicolava. Mi dicevo che un giorno ne avrei fatto una scultura con i tulipani gonfiabili. Per me è il simbolo del dono incondizionato».
I tulipani di Koons dovrebbero rinviare ai «fiori barocchi di Boucher e Fragonard» o ai «fiori impressionisti di Monet». La mano invece dovrebbe ricordare quella della statua della Libertà che solleva la fiamma. Anche l’opera dell’architetto Bartholdi fu un dono, della Francia agli Stati Uniti, e fu inaugurata a New York nel 1886.

di Luana De Micco , edizione online, 22 novembre 2016


Ricerca


GDA luglio/agosto 2017

Vernissage luglio/agosto 2017

Vedere a ...
Vedere in Trentino Alto Adige 2017

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2017

Vedere in Sicilia 2017

Vedere a Venezia e in Veneto 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012