Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Helen Marten vince il Turner Prize e lo divide con gli altri finalisti

Helen Marten ieri sera alla Tate Britain. Foto © Tate

Londra. Poche settimane fa Helen Marten si era aggiudicata l'Hepworth Prize for Sculpture; ieri sera, alla Tate Britain, la conferma che per la 31enne artista è davvero un buon momento: è lei infatti la vincitrice del Turner Prize 2016, il più importante riconoscimento britannico per gli artisti sotto i 50 anni.
La giuria, presieduta dal direttore della Tate Britain, Alex Farquharson,  ha scelto di premiarla per  la sua opera «enigmatica e poetica», che riflette «le complessità e le sfide che vivere nel mondo di oggi comporta», elogiandone poi la «straordinaria varietà di materiali e forme». Per la mostra del Turner Prize, in corso alla Tate fino all'8 gennaio, l'artista si è servita di materiali e oggetti della vita quotidiana, quali suole di scarpe, uova e catene di bicicletta.
Nel discorso di accettazione, la Marten ha annunciato che condividerà il premio (25mila sterline) con  gli altri finalisti: Anthea Hamilton, Michael Dean e Josephine Pryde.

Helen Marten ha al suo attivo, tra l'altro, la partecipazione alle due ultime Biennali di Venezia, intervallata, nel 2014, da una personale al Fridericianum di Kassel, in Germania. Si è da poco conclusa invece «Drunk Brown House» alla Serpentine Sackler Gallery.
In Italia l'artista è rappresentata dalla galleria romana t293

edizione online, 6 dicembre 2016


Ricerca


GDA gennaio 2017

Vernissage gennaio 2017

RA Case d

Focus Pop Art Romana dicembre 2016

Vedere a ...
Vedere a Bologna gennaio/febbraio 2017

Vedere in Campania 2016


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012