Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri


Hildebrand Gurlitt, i segreti del «mercante di Hitler»

La copertina del volume

La vicenda di Cornelius Gurlitt ha scosso l’opinione pubblica tedesca nel 2010, quando un pensionato, individuato dalla polizia in treno con una cospicua somma in contanti, si è rivelato proprietario di un vero e proprio tesoro d’arte, mancante dal 1945, scomparso durante il tremendo bombardamento incendiario di Dresda. Cornelius Gurlitt è morto a maggio 2014, lasciando in eredità al Kunstmuseum di Berna la sua collezione.

Dietro alla storia ricostruita da Meike Hoffmann  (berlinese, specialista in ricerche sulla provenienza e coordinatrice del progetto di ricerca sull' Arte degenerata della Freie Universität di Berlino, Degenerate Art Research Centre, dopo il ritrovamente della collezione Gurlitt a Monaco era stata incaricata dal pubblico ministero di Amburgo di risalire alla paternità delle opere, Ndr), c’è la figura ambigua e sfuggente del padre dell’uomo, Hildebrand (1895-1956) figura di spicco nelle arti degli anni Venti in Germania, legato alla produzione contemporanea, anche per via della sorella Cornelia, pittrice, amica di Chagall, poi divenuto agente di fiducia per le acquisizioni artistiche del Führer. Collezionista, curatore di mostre, direttore di musei (a Zwickau, e al prestigioso Kunstverein di Amburgo), a lungo sostenitore della ricerca contemporanea, di cui promosse la rapida musealizzazione, dopo gli attacchi all'«arte degenerata», seppe cambiare ruolo.

Di fatto, come dimostrano i molti documenti inediti nel libro, egli divenne coordinatore dei furti agli ebrei e agli oppositori del regime, e accantonò una fortuna, mentre nel frattempo raccoglieva per sé lavori, e con altri esperti definiva canali per la vendita all’estero delle opere che il regime condannava. Suo il compito di raccogliere opere «classiche» germaniche, per l’incompiuto progetto hitleriano del museo di Linz, mentre accantonava una collezione stellare. Dopo la guerra dichiarò di aver perduto quasi tutto nei bombardamenti, e riuscì anche a recuperare dagli americani un gruppo di opere sequestrate, dichiarando di averle acquistate in modo legale.

Meike Hoffmann e Nicola Kuhn raccontano come in un thriller il profilo complesso di un protagonista della ricerca estetica del suo tempo, che ha vissuto con una identità doppia per tutta la sua esistenza, lasciando dietro di sé segreti, misteri e una strepitosa collezione.

Il mercante d’arte di Hitler, di Meike Hoffmann (con Nicola Kuhn), traduzione di Matteo Anastasio, 382 pp., Newton Compton, Roma 2016, € 12,00

Articoli correlati:
Cornelius Gurlitt sapeva quel che faceva
«Magri» risultati per la task force Gurlitt
Online gli elenchi delle opere del lascito Gurlitt
Gurlitt, il Kunstmuseum di Berna ha accettato l'eredità
Il pasticcio del lascito Gurlitt
Lascito Gurlitt: 6 mesi per dire sì
Il Kunstmuseum di Berna eredita la collezione Gurlitt
Morto Cornelius Gurlitt: nella sua casa di Monaco di Baviera il «bottino dei nazisti»
Gurlitt: le piste portano a Salisburgo o Linz
Che cosa succederà adesso al tesoro del signor Gurlitt?
Tesoro di Gurlitt, altre 60 opere erano a Salisburgo
La Germania studia una legge per restituire il bottino d'arte dei nazisti
Ritrovate a Monaco di Baviera 1.500 opere d'arte confiscate dai nazisti

di Luca Scarlini, edizione online, 19 dicembre 2016


Ricerca


GDA luglio/agosto 2017

Vernissage luglio/agosto 2017

Vedere a ...
Vedere in Trentino Alto Adige 2017

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2017

Vedere in Sicilia 2017

Vedere a Venezia e in Veneto 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012