Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

La collezione Schukin riunita a Parigi

Sarà in mostra il prossimo autunno nella Fondation Louis Vuitton

L'anno scorso l'Ermitage ha prestato alla Fondation Louis Vuitton «La Danse» (1909), commissionata a Matisse da Sergei Schukin

Mosca. La raccolta di capolavori moderni accumulata da Sergei Schukin  sarà riunita il prossimo autunno in una mostra alla Fondation Louis Vuitton a Parigi («Icone dell'arte moderna. La Collezione Schukin. Museo dell'Ermitage- Museo Puskin» dal 20 ottobre al 20 febbraio 2017, a cura di Anne Baldassari). La collezione del ricco uomo d'affari e mecenate dell'epoca zarista, con opere tra gli altri di Matisse e Picasso, fu smembrata durante il regime sovietico ed è ora suddivisa tra l'Ermitage di San Pietroburgo e il Museo Puskin di Mosca.

La notizia è stata data a Mosca nel corso di una conferenza stampa indetta da Zelfira Tregulova, direttrice della Galleria Statale Tretjakov, per presentare i programmi espositivi della sua istituzione. «Uno dei progetti più importanti al quale parteciperemo è una mostra a Parigi, che si aprirà in autunno presso la Fondation Louis Vuitton», ha annunciato la Tregulova, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa ufficiale Ria Novosti. La Tregulova ha aggiunto che la mostra prenderà in esame anche il ruolo che due collezioni private, quella di Schukin e quella del «rivale» Ivan Morozov, hanno avuto nella formazione della avanguardie russe.

La mostra dovrebbe portare a Parigi decine di dipinti e un accordo in tal senso dovrebbe essere firmato a Mosca questa settimana. La Tregulova, riferisce l'agenzia di stampa Interfax, ha dichiarato che la Tretjakov e due o tre musei regionali russi presteranno opere emblematiche della «reazione di artisti russi» al modernismo francese.

Nel 2013 Irina Antonova, all'epoca direttrice del Puskin, aveva provocato l'irritazione di Mikhail Piotrovskij, direttore del Ermitage, chiedendo che le collezioni venissero riunite a Mosca. La Antonova aveva anche sollevato la questione con il presidente Vladimir Putin durante un programma  televisivo di domande e risposte in diretta, chiedendogli di ricostruire il Museo di Stato della Nuova Arte Occidentale, originariamente creato a Mosca nel 1923 per ospitare le collezioni Schukin e Morozov, ma chiuso da Stalin nel 1948. Alcuni mesi dopo la Antonova è andata in pensione ed è diventata presidente onorario del Puskin.

L'anno scorso Dimitri Ozerkov, il capo del dipartimento di arte contemporanea dell'Ermitage, ha dichiarato che il museo di San Pietroburgo avrebbe esposto alcune delle opere delle collezioni Schukin e Morozov in proprio possesso nella filiale moscovita dell'Ermitage, in fase di costruzione presso l'ex fabbrica di automobili Zil. Nel 2014, all'apertura della Fondation Louis Vuitton a Parigi, Piotrovskij ha firmato un accordo di sponsorizzazione con Lvmh che fissa i termini di una «cooperazione reciprocamente vantaggiosa» con il marchio di lusso.

Lo scorso dicembre, in un incontro con i giornalisti, la direttrice del Pushkin Marina Loshak ha definito essenziale la collaborazione con l'Ermitage, accennando a grandi programmi internazionali congiunti per il futuro. «Stiamo progettando tutto insieme, e questo è comprensibile, perché non possiamo vivere senza l'Ermitage, senza la sua raccolta e il nostro comune passato storico collegato a questa collezione,  ha dichiarato all'agenzia  Tass. Ci sono molti progetti che stiamo pensando di fare insieme al di fuori dei nostri musei».

Articoli correlati:
Sì al Puskin Modern? Brera incontra il Puskin: le collezioni Schukin e Morozov

Al Ministero non piace (più) il progetto Foster

Sophia Kishkovsky, edizione online, 8 febbraio 2016


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012