Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Pompei in tournée negli Stati Uniti

Un centinaio di opere escono dai depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli per un progetto espositivo itinerante

Statua di Apollo Citarista, fine I sec a.C - 50 d.C. bronzo h 158 cm

Napoli. Come da mesi annunciato dal direttore Paolo Giulierini, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (Mann) apre i suoi depositi per realizzare un grande progetto espositivo, «Pompeii. The Exhibition», mostra itinerante negli Stati Uniti d’America, che viaggerà tra Kansas City (Union Station, novembre-maggio 2016), Phoenix (Museum of Science and Industry, giugno-ottobre 2017) e Tampa (Museum of Science and Industry, novembre 2017- maggio 2018) e che verrà realizzata grazie alla collaborazione con la società americana Exhibitions International.
La mostra sviluppa il progetto pilota «Pompeii. The Exhibition», realizzato dal Mann tra il 2013 e il 2015, che vantò uno straordinario successo di pubblico nelle sedi di Filadelfia (Franklin Institute), Los Angeles (California Science Center) e Seattle (Pacific Science Center).

La novità della seconda edizione è che per la prima volta sarà possibile vedere un complesso di affreschi e sculture di considerevole importanza proveniente dalla Domus del Citarista. Scoperta casualmente nel 1853, durante un acquazzone che portò alla luce la statua in bronzo di Apollo con cetra, la casa fu la residenza Popidii, una tra le più prestigiose famiglie di Pompei. Dallo scavo vennero recuperati non solo grandi quadri figurati e un importante arredo scultoreo in bronzo e in marmo ma anche oggetti di uso quotidiano (tra cui un braciere in bronzo, anelli d’oro, i piedi di mobile a forma di piedi umani o di zampe leonine, statuette da larario raffiguranti Minerva, un altarino in marmo e la rarissima statuetta di Genius in terracotta argentata e dipinta) che verranno accostati ad altri provenienti da ambienti diversi (lucerne in bronzo e in terracotta, prestate per la prima volta, ceramiche da tavola, pentole da cucina, vetri da tavola, da dispensa e per toletta): circa 100 oggetti che offriranno uno spaccato di vita quotidiana a Pompei prima dell’eruzione del 79 d. C. La mostra approfondisce anche gli aspetti della vita pubblica, facendo rivivere, anche grazie all’ausilio di dispositivi multimediali (proiezioni, audio, video, fotografie e riproduzioni grafiche di mosaici e affreschi) ambienti e luoghi della città: il mercato, il tempio, il teatro, la palestra, le terme, il bordello, l’anfiteatro.

Gli oggetti in mostra, tutti in ottimo stato di conservazione, testimoniano la grande ricchezza dei depositi del museo, che consente al Mann di diffondere la conoscenza del suo patrimonio e della storia delle città vesuviane non intaccando l’integrità della sua collezione permanente.

di Olga Scotto di Vettimo, edizione online, 5 luglio 2016


  • Statua di Caligola, I sec. d.C. marmo h 215 cm
  • Maschera teatrale, I sec. d.C. marmo Larghezza 25 cm
  • Io, Argo ed Hermes, 50 – 79 d.C. affresco 83 x 79 cm
  • Collana I sec. a.C. - I sec.d.C. oro diam. 30 cm

Ricerca


GDA giugno 2017

Vernissage giugno 2017

Focus on Boetti maggio 2017

Vedere a ...
Vedere in Friuli Venezia Giulia 2017

Vedere in Sicilia 2017

Vedere a Venezia e in Veneto 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012