Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Addio a John Berger

Lo scrittore e critico d'arte britannico è scomparso ieri a Parigi. Aveva 90 anni

Parigi. Scrittore impegnato, critico d'arte (un'«etichetta» che tuttavia non amava), giornalista, sceneggiatore cinematografico, autore teatrale e disegnatore, John Berger si è spento il 2 gennaio nella sua casa parigina. 
Nato a Londra nel 1926,  Berger negli anni Settanta ha dato un forte contributo alla «democratizzazione» dell'arte portandola in televisione, nel programma «Ways of Seeing», trasmesso dalla Bbc nel 1972. Una serie sullo studio delle immagini e sui modi di vedere l'arte nella vita di tutti i giorni da cui sarebbe nato il libro omonimo, che ha venduto più di un milione di copie (in Italia è pubblicato da Bollati Boringhieri con il titolo Modi di vedere).

Nel 1972, con il romanzo sperimentale G. (la traduzione italiana è uscita presso il Saggiatore) Berger aveva vinto  il Booker Prize, il più prestigioso premio letterario anglosassone. «Non c'è un solo testo di John che non sia permeato di uno sguardo politico», ha dichiarato all'agenzia France Press il figlio di Berger, il cineasta Jacob. «Aveva una posizione politica estremamente forte senza essere un comunista limitato e dogmatico». Berger, prosegue il figlio Jacob,  in fuga da quell'Inghilterra «estremamente anticomunista» degli «anni Cinquanta e degli inizi degli anni Sessanta». si era trasferito da decenni in Francia, a Quincy, in Alta Savoia. Lì è ambientato il recente documentario «The Seasons in Quincy: Four Portraits of John Berger»  (2016), un film prodotto da Colin MacCabe, Bartek Dziadosz, Christopher Roth e Tilda Swinton.

edizione online, 3 gennaio 2017


Ricerca


GDA ottobre 2017

Vernissage ottobre 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere a Firenze e in Toscana 2017

Vedere in Puglia e Basilicata 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012