Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri


La O di Giotto è una creatura tonda che disegna

Scalpendi ripropone la favola sull'arte di Antonio Rubino

La copertina del volume

Il magistero di Antonio Rubino nell’illustrazione è stato riconosciuto da tempo, dal momento in cui Antonio Faeti con il suo capitale Guardare le figure (1972), focalizzò lo sguardo su un repertorio fino a poco prima ignorato.
Scalpendi dopo il bel catalogo, a cura di Martino Negri, Innamorato della luna, riferito a un’esposizione alla Biblioteca Braidense di Milano, ha mandato in libreria il mirabile Viperetta, ritratto di una bambina talmente intrattabile da creare disastri a catena e ora replica con il pacchetto Rosso Rubino, in cui vengono presentati i deliziosi libretti della collana La scuola dei giocattoli, in cui l’artista sanremese si era sbizzarrito a inventare una serie di vicende grafiche e poetiche pungenti per i più piccini. Quello che scelgo per «Il Giornale dell’Arte» è una aguzza favola sull’arte, sorridente nell’impatto grafico, ma non nel racconto.
Al centro del racconto sta Odigiotto, appunto, una tonda creatura che si mette a riempire di disegni volumi per i bambini che non sanno parlare, irritando non poco gli adulti. Infine, nel tentativo di ritrarsi, va troppo vicino a un foglio di carta che lo schiaccia e lo trasforma in un disegno, tra il compianto di bambini e di un topino.

O di Giotto, di Antonio Rubino, 16 pp., Scalpendi, Milano 2016, € 5,00

di Luca Scarlini, edizione online, 10 gennaio 2017


Ricerca


GDA luglio/agosto 2017

Vernissage luglio/agosto 2017

Vedere a ...
Vedere in Trentino Alto Adige 2017

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2017

Vedere in Sicilia 2017

Vedere a Venezia e in Veneto 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012