Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Paesaggio, il Piemonte raggiunge la Toscana e la Puglia

Firmato al Mibact il piano paesaggistico: prescritto dal Codice dei Beni culturali, è stato finora adottato solo da tre regioni

Il Santuario di Oropa, in provincia di Biella. Foto: © Regione Piemonte

Torino. Le colline a vigneto delle Langhe e del Monferrato; i magnifici panorami alpini; duecento laghi; dodici «tenimenti», ovvero i latifondi istituiti nel Medioevo dall’Ordine Mauriziano (a cui fanno capo, tra l’altro, Stupinigi e l’Abbazia di Staffarda). Sono alcuni dei paesaggi e luoghi individuati come elementi dell’identità del Piemonte nel Piano paesaggistico regionale che il presidente della Regione Sergio Chiamparino ha firmato a Roma con il ministro Dario Franceschini il 14 marzo scorso, in occasione della prima Giornata nazionale del Paesaggio destinata a diventare un appuntamento annuale.
Dunque anche il Piemonte ha il suo piano frutto di una lunga condivisione con il Ministero. Lo prescrive il Codice dei Beni culturali eppure, dal 2008, solo altre due Regioni lo hanno già adottato: la Puglia e la Toscana (cfr. n. 353, mag. ’15, p. 5). Dal Mibact vogliono «pensare positivo» e stimano che, tempo un anno, anche Friuli Venezia Giulia, Lazio e Umbria potrebbero approdare alla firma, eppure il ritardo delle Regioni è palese. Il motivo, non dichiarato, è che forze politiche e interessi locali sanno che questi atti possono imporre vincoli che le classiche varianti ai piani regolatori permettono spesso di eludere. Il perché lo riassume Giovanni Paludi, architetto, vicedirettore della Direzione della Regione che ha seguito passo passo il documento piemontese: «Nei piani paesaggistici approvati con il Mibact  la parte prescrittiva prevale nell’intera regione. E i Comuni dovranno mediare con il nostro piano che tende a tutelare in misura molto forte le aree libere». Il documento, che deve essere approvato dal Consiglio regionale, è stato elaborato dal 2008, attraversando quindi due giunte di centrosinistra e una, nel mezzo, a guida leghista. I tecnici hanno recepito oltre 1.300 «osservazioni» da amministrazioni e associazioni. In 700 pagine la mappa evidenzia 2.060 elementi di rilievo paesaggistico, includendo 500 nuclei alpini, più di 760 parchi e ville, 2.500 chilometri di percorsi panoramici, 106 parchi.

Articoli correlati:

Il Piemonte protegge i suoi paesaggi


In Italia il paesaggio si fa piano piano. Toscana e Puglia le prime


La Toscana salva il suo paesaggio

di Stefano Miliani, edizione online, 16 marzo 2017


  • Borgo Adorno nel Comune di Cantalupo Ligure (Alessandria)

Ricerca


GDA maggio 2017

Vernissage maggio 2017

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2017

Focus on Boetti maggio 2017

Vedere a ...
Vedere a Venezia e in Veneto 2017

Vedere a Milano 2017

RA Arte Contemporanea 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012