Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia


Quando il mosaico di Alessandro cadde da un carro trainato dai buoi

Al Museo Archeologico Nazionale di Napoli a maggio apriranno quattro nuovi laboratori di restauro

Il mosaico di Alessandro a pavimento nella Sala della Flora del Museo di Napoli, 1886-1900

Ferrara. Paolo Giulierini, direttore del Mann e l’archeologa Luigia Melillo, responsabile del Laboratorio di Restauro del Museo napoletano, hanno presentato a Ferrara al XXIV Salone dell’economia, della conservazione delle tecnologie e della valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali documenti inediti sul distacco e il trasporto del «Gran Musaico Pompeiano» (di 5,82x3,13 m, oltre un milione di tessere) di Alessandro il Grande alla battaglia di Isso, dalla casa del Fauno a Pompei, dov'era stato rinvenuto nel 1831, al Real Museo Borbonico nel Palazzo degli Studi di Napoli, come nell'Ottocento si chiamava l’attuale Museo Archeologico Nazionale napoletano.

Si tratta di una relazione, inviata a Ferdinando di Borbone, tramite il ministro dell'Interno Nicola Santangelo,  dal mosaicista romano Vincenzo Raffaelli, direttore dei «musaici del Vaticano», sullo stato di conservazione dell’opera e sulla possibilità di spostarla dall’esedra dove si trovava per portarla al museo di Napoli. Spostamento che secondo l’esperto non andava fatto; Raffaelli si diceva infatti  «fermamente convinto che il mosaico debba rimanere in sito, questo è il posto dove fu lavorato e qui soggiorna inalterabile da tanti secoli». Tuttavia, sempre Raffaelli era dell'idea che qualora si fosse pensato di trasferire l’opera questa dovesse essere sezionata. Ferdinando II si preoccupò di raccomandare a Pietro Bianchi, l'architetto della Real Casa incaricato della direzione degli scavi di Pompei, Ercolano e Paestum, «di badar bene a quello che si facea, perché questo monumento non era nostro, ma dell’Europa, ed alla intera Europa doveasi dar conto delle nostre operazioni».
Il mosaico venne quindi ingabbiato in una struttura di legno, appositamente ideata, trasportato a Napoli nel 1843 su un carro ferroviario trainato da otto coppie di buoi e sotto scorta. Durante il la cassa cadde due volte: nel Foro, a Pompei, e presso Torre del Greco, anche se alla fine il mosaico pompeiano approdò al museo napoletano in discreto stato. Sono state anche ritrovate le lastre fotografiche che testimoniano il trasferimento  dell'opera, tra il 1916 e il 1917, dal piano terra del museo all’ammezzato. Documenti che fanno luce per la prima volta sul delicato spostamento del mosaico e sulle soluzioni tecniche utilizzate.
«Questo, ha sottolineato Giulierini, è il risultato di studi e ricerche del Laboratorio di restauro del Mann» un vero e proprio dipartimento del museo,  suddiviso in cinque settori nel quale 22 lavorano operatori. Il direttore ha anche annunciato che «dal prossimo maggio il museo si arricchirà di ulteriori quattro nuovi laboratori attrezzati per effettuare al meglio interventi di restauro e recupero di pezzi il cui valore è unico al mondo».

di Carlo Avvisati, edizione online, 22 marzo 2017


  • Il grande mosaico di Alessandro oggi al Mann
  • La cassa contenente il mosaico sollevata per essere trasferita in un'altra sala del museo di Napoli (1916)

Ricerca


GDA novembre 2017

Vernissage novembre 2017

Sovracoperta GDA novembre 2017

Focus on Figurativi 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012