Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

Fortuny e Morris, vita e arte di due maestri della decorazione

Antonia Byatt mette a confronto i due poliedrici «artigiani» solo in apparenza distanti

La copertina del volume

Antonia Byatt nelle sue opere più note, come Possessione (1990) e Angeli e insetti (1992) analizza acutamente il mondo iconografico in cui si muovono le vicende di cui narra. Appassionata della stagione ricchissima tra Simbolismo e Modernità, che in tutta Europa venne indicato come stile «nuovo» e «moderno», oppure «giovane», la scrittrice inglese in questo volume riccamente illustrato fa i conti con due maestri della creazione, sospesi tra Natura e Cultura, tra l’immediatezza del ritrarre la vita animale e vegetale, e la capacità acutissima di rivisitazione di quei dati come meccanismo di decorazione.

Il pavone, animale totemico di quella ricchissima stagione, è simbolo araldico della creatività del maestro spagnolo Mariano Fortuny, che a Venezia trovò la perfetta dimora della propria immaginazione, celebrata da Proust nella Recherche. Altrettanto perfetta la simbiosi che William Morris seppe trovare a Kelmscott, nella sua mansion di campagna, lontana dai detestati fumi della città, con le innumeri piante che vivevano nel luogo.
Il bestiario del sogno e della realtà intreccia danze complesse: l’autrice le individua in filigrana nelle esistenze di due autori a lei cari, che nella dimensione artigianale trovarono il loro prestigio.


Pavone e rampicante. Vita e arte di Mariano Fortuny e William Morris, di A.S. Byatt, traduzione di Anna Nadotti e Fausto Galuzzi, 176 pp., Einaudi, Torino 2017, € 32,00

Luca Scarlini, edizione online, 19 aprile 2017


Ricerca


GDA maggio 2018

Vernissage maggio 2018

Fotografia Europea 2018

Vedere a ...
Vedere a Venezia e in Veneto 2018

Vedere nelle Marche 2018

Vedere a Milano 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012