Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


SPECIALE BIENNALE DI VENEZIA I Padiglioni nazionali ai Giardini/2

Austria, Danimarca, Israele, Russia e Stati Uniti

Il Padiglione degli Stati Uniti. Fotografia di Micaela Deiana

AUSTRIA
Il padiglione, a cura di Christa Steinle, presenta una doppia personale di Brigitte Kowanz ed Erwin Wurm. Seppur con registri opposti, entrambi affrontano il tema della corporeità e della percezione spaziale, la Kowanz trasformando l'architettura attraverso installazioni luminose e ampliamenti virtuali, Wurm abitandola con sculture e performance.
Dove: Giardini-www.labiennale.at

DANIMARCA
«Influenza: Theatre of Glowing Darkness» di Kirstine Roepstorff invita all'introspezione, a scoprire una nuova visione del mondo attraverso l'oscurità feconda da cui tutto si è generato. La metafora è portata nel padiglione grazie all'elemento vegetale, che dolcemente accompagna nella visita in un giardino dal tempo sospeso, e a un lavoro video.
Dove: Giardini-www.danishpavilion.org


ISRAELE
Gal Weinstein incentra il suo lavoro sul tentativo di fermare il tempo e sulla processualità della materia. Fra immagini di muffa alle pareti e pavimenti realizzati con fondi di caffè in putrefazione, in «Sun Stand Still» realizza un'allegoria poetica della storia di Israele e delle mitologie del sionismo impresse nella memoria collettiva.

RUSSIA
Tre ambienti avvolgenti costruiscono il Theatrum Orbis, uno specchio della collettività nella società contemporanea, delle dinamiche di aggressione e terrore, del controllo delle masse, del rapporto con il mondo virtuale e del tentativo di ritrovarsi e conservare in sé il proprio centro nella realtà contemporanea.

USA
La storia individuale, quella dell'artista, e la storia collettiva si intrecciano nel progetto «Tomorrow is Another Day», a cui Mark Bradford ha lavorato con Process Collettivo, un nuovo gruppo nato per sostenere i detenuti nella fase di passaggio all'autosufficienza. Lo spazio del padiglione appare trasformato grazie alle imponenti sculture che ne contaminano l'architettura con corpi amorfi e materiali poveri. La cornice è quella dell'impegno sociale, del fare condiviso, dell'urgenza del dialogo in questi tempi di incertezza.
Dove: Giardini-www.markbradfordvenice2017.org

di Micaela Deiana, edizione online, 11 maggio 2017


  • Il Padiglione di Israele. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il progetto di Kirstine Roepstorff per il Padiglione della Danimarca. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il progetto di Kirstine Roepstorff per il Padiglione della Danimarca. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione dell'Austria. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione degli Stati Uniti. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione della  Russia. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione degli Stati Uniti. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione della  Russia. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione degli Stati Uniti. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione degli Stati Uniti. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione di Israele. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione di Israele. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione di Israele. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione dell'Austria. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il progetto di Kirstine Roepstorff per il Padiglione della Danimarca. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione degli Stati Uniti. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione dell'Austria. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione dell'Austria. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il progetto di Kirstine Roepstorff per il Padiglione della Danimarca. Fotografia di Micaela Deiana
  • Il Padiglione della  Russia. Fotografia di Micaela Deiana

Ricerca


GDA maggio 2017

Vernissage maggio 2017

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2017

Focus on Boetti maggio 2017

Vedere a ...
Vedere in Friuli Venezia Giulia 2017

Vedere in Sicilia 2017

Vedere a Venezia e in Veneto 2017

RA Arte Contemporanea 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012