Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Una casa per Modì (in formato tecnologico)

A Spoleto ha aperto un istituto privato intitolato a Modigliani. Con riproduzioni ad alta tecnologia dei suoi dipinti, mostre e progetti

 Sergio Gotti, omaggio ad Amedeo Modigliani. Istituto Amedeo Modigliani, Spoleto

Spoleto (Perugia). Nel centro storico di Spoleto ha aperto un istituto privato intitolato ad Amedeo Modigliani. A scanso di equivoci: nelle sale ristrutturate di un vasto appartamento espone in modo permanente riproduzioni «realizzate con un sistema in altissima definizione attraverso la tecnologia Modlight®», basate su impianti a led «e su fotografie scattate sulle opere originali». Lo dice il presidente Luciano Renzi descrivendo Casa Modigliani come centro studi e sede di un comitato che tra altri progetti intende organizzare le celebrazioni del centenario della morte del pittore del 2020, presentando per quell’anno le riproduzioni di «tutte le opere certificate nel catalogo Ceroni». E, stando al comunicato stampa, l’istituto appena inaugurato è «un incrocio fra arte, tecnologia e show business».

Le sale occupano circa 300 metri quadrati nel Palazzo Montani, affacciato su piazza Fontana. Per adesso propone una scultura in cartone e altri materiali di Sergio Gotti e, fino al 30 luglio, la mostra «Modigliani e l’art nègre: simbolo, opere, tecnologia»: allestita nel cartellone del Festival dei Due Mondi, curata da Cesare Pippi, comprende sculture africane, dipinti del pittore tanzaniano George Lilanga (1934-2005) e le riproduzioni in formato Modlight®.
«Con visori 3D per una realtà immersiva presentiamo 52 dipinti di Modigliani riprodotti come fossero quadri e sculture africane per confrontarli. Vogliamo divulgare vita e opere dell’artista e dare un contributo con la chiave della esperienzalità», racconta Renzi (nessuna parentela con il segretario del Pd). «Inoltre nel caveau ospitiamo dipinti attribuibili al pittore che le analisi della cooperativa di beni culturali Coo.Be.C dicono della sua epoca e non essere dei falsi».
Attribuibili? È terreno minato, tanto più quando c’è di mezzo Modigliani.
«Lo sappiamo. Ma stimiamo che ci siano tante opere con una dignità culturale non incluse nel catalogo generale di Ceroni. Chiarisco che non compriamo né vendiamo né certifichiamo».
E da dove saltano fuori, questi dipinti?
«Famiglie, eredità, una dal tribunale di La Spezia per un fallimento».

Link:
www.istitutoamedeomodigliani.it



Articoli correlati:
Tredici opere di Modigliani in mostra a Genova sarebbero contraffatte
Venezia, una «marinaretta» di Modigliani donata alla Collezione Guggenheim
Modì è sempre Modì Roma, un Modigliani nella spazzatura

di Stefano Miliani, edizione online, 2 giugno 2017


  •  Ritratto di Jeanne Hebutrne in formato Modlight® per la mostra “Mostra impossibile Modigliani” in programma nel 2020. Istituto Amedeo Modigliani, Spoleto
  •  Maschera Fang del Gabon. Istituto Amedeo Modigliani, Spoleto
  • L'ingresso di Casa Modigliani a Spoleto

Ricerca


GDA novembre 2017

Vernissage novembre 2017

Sovracoperta GDA novembre 2017

Focus on Figurativi 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012