Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Roma

Sentimenti in cornice

Giorgione inaugurò una nuova ritrattistica

Giorgione, «Doppio ritratto», Roma, Museo Nazionale di Palazzo Venezia

Roma. Si intitola «Labirinti del cuore. Giorgione e le stagioni del sentimenti tra Venezia e Roma nel ’500» (catalogo Prismi) la mostra voluta dal Polo Museale del Lazio con doppia sede a Palazzo Venezia e Castel Sant’Angelo, a cura di un esperto come Enrico Maria Dal Pozzolo, già cocuratore con Lionello Puppi e Antonio Paolucci della mostra su Giorgione nella natia Castelfranco per i 500 anni dalla morte (2009).
Tutto ruota attorno al «Doppio ritratto» della collezione del Museo Nazionale di Palazzo Venezia. Qui, nella sede diplomatica della Serenissima a Roma costruita dal veneziano Pietro Barbo,
dal 24 giugno al 17 settembre si segue un tema che, per quanto minoritario di un genere, indica «che il “Doppio ritratto” cosiddetto Ludovisi, rispetto a tutto ciò che conosciamo della ritrattistica non solo veneta ma italiana tra Quattro e Cinquecento, inaugura un filone iconografico che è quello della ritrattistica dei sentimenti, degli stati d’animo, ben diverso dalla ritrattistica psicologica quattrocentesca», spiega Dal Pozzolo. Un tema che lega insieme, riprendendo una tesi proposta nel 1983 da Alessandro Ballarin, Giorgione, Petrarca, il pensiero neoplatonico e il circolo veneziano di giovani patrizi detto Compagnia degli Amici, di cui faceva parte Pietro Bembo, non a caso curatore nel 1501 per Aldo Manuzio della prima edizione filologica delle Rime di Petrarca, in mostra.

Tre i Giorgione presenti: quello di Palazzo Venezia, che il curatore ritiene autografo anche perché, per quanto del pittore non esistano certezze assolute, ci sono buoni indizi e nuovi elementi, per esempio sulla provenienza; l’«Omaggio al Poeta» della National Gallery di Londra; una delle due tavolette dai Musei Civici di Padova, che deriva da un cammeo già di papa Barbo. Ma la mostra è preziosa per tanti motivi: perché la tesi è di grande interesse e portata avanti con rigore, perché accosta prestiti da grandi musei e collezioni aristocratiche e perché inanella pezzi rari e molti inediti. Ci sono il confronto tra Venezia e Roma, gli affondi su papa Paolo II Barbo e Domenico Grimani, collezionista e committente del pittore, l’evoluzione tipologica del ritratto fino a Giorgione (con Gentile e poi Giovanni Bellini, l’influenza di Antonello, un doppio ritratto dal Louvre), l’iconografia della melanconia, l’eredità della rivoluzione giorgionesca, per esempio con il ritratto di Tiziano dalla Galleria Spada messo accanto all’incisione di un perduto Giorgione già nella raccolta di Leopoldo Guglielmo d’Asburgo. A Castel Sant’Angelo il percorso riunisce dipinti e trattati sul tema dell’amore, la fortuna e il mito di Petrarca, le «stagioni» di questo sentimento e la sua comunicazione attraverso la musica, i simboli e la nudità femminile. Anche qui con pezzi unici, come il «Ritratto di vedovo» dagli appartamenti privati dei principi Doria Pamphilj, considerato di Giorgione nella Roma del cardinal Aldobrandini (1571-1621), da cui viene anche una tela di Sofonisba Anguissola. In tutto 45 dipinti, 35 tra libri e manoscritti, una ventina di sculture, due cammei e otto tra stampe e disegni.

Articoli correlati:
Indagine su Giorgione su Rai 5
Re Giorgione

Pericolo Giorgione

di Federico Castelli Gattinara, da Il Giornale dell'Arte numero 376, giugno 2017


Ricerca


GDA ottobre 2017

Vernissage ottobre 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere a Firenze e in Toscana 2017

Vedere in Puglia e Basilicata 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012