Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Milano

Alfa e omega: Agnetti e Vitali

Un pioniere concettuale e un pittore-pittore

Giancarlo Vitali, Banchetto, 2002 Olio su tela, 130x95

Milano. Pur appartenendo alla stessa generazione, non potrebbero essere più diversi i protagonisti delle due consuete mostre estive di arte italiana contemporanea proposte da Palazzo Reale: dal 4 luglio al 24 settembre vanno infatti in scena un rigoroso concettuale come Vincenzo Agnetti (1926-81) e un sanguigno pittore-pittore come Giancarlo Vitali (1929). Curata da Marco Meneguzzo con l’Archivio Agnetti, la mostra «Agnetti. A cent’anni da adesso» è una ricognizione «critica e “sentimentale”» del suo universo concettuale e visivo, spiega il curatore, compiuta grazie a un centinaio di opere realizzate tra il 1967 e il 1981, tutte caratterizzate da un uso «esteso» della parola, non relegata al solo ambito semiologico ma tesa a realizzare immagini e narrazioni, in un concettualismo di segno «metafisico e letterario». Scorrono in mostra tutti i suoi lavori più famosi (da «Quando mi vidi non c’ero» agli «Assiomi», da «Libro dimenticato a memoria» a «Macchina drogata», «Amleto politico», «Autotelefonata» e altri), ma non mancano opere meno note o quasi mai viste, altrettanto significative. Intanto Osart Gallery ha prorogato fino al 21 luglio «Vincenzo Agnetti. Oltre il linguaggio» (cfr n. 374, apr. ’17, p. 64), che completa idealmente il percorso.

Tutt’altra temperatura si avverte nella mostra diffusa «Giancarlo Vitali. Time Out», curata dal figlio (e artista) Velasco Vitali: è la prima grande antologica del pittore di Bellano che ebbe la sua prima mostra pubblica a 56 anni, presentata da Giovanni Testori, che lo scoprì. Sono sempre stati i più fini intellettuali, del resto, gli interlocutori privilegiati di questo pittore scontroso e ostile ai circuiti mercantili, che ha affascinato con i suoi dipinti densi di vita Carlo Bertelli e Mario Botta, Tonino Guerra, Franco Loi, Antonio Tabucchi, Vittorio Sgarbi, Marco Vallora e l’omonimo (ma non parente) scrittore Andrea Vitali, autore di un testo in catalogo (Skira). Ultimo in ordine di tempo è stato Peter Greenaway, colpito dai suoi quadri «tetri, melanconici, claustrofobici, tristi, dolenti e umili»: a lui si deve l’intervento installativo «Mortality with Vitali» nella Casa del Manzoni, dove vanno in scena opere scelte per la consonanza con le diverse stanze, mentre in piazza Belgiojoso «latra» un branco dei cani del figlio Velasco. Oltre a questa sede e a Palazzo Reale, dove scorrono settant’anni della sua pittura, l’esposizione coinvolge il Castello Sforzesco, con una scelta del suo corpus incisorio, e il Museo Civico di Storia Naturale, con l’omaggio all’abate Antonio Stoppani (1824-91), geologo, paleontologo e patriota lecchese, cui Vitali ha dedicato una serie di carte dipinte che ritraggono dei fossili, in dialogo con quelli conservati nel museo.

di Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 377, luglio 2017


  • Vincenzo Agnetti. Courtesy Archivio Vincenzo Agnetti
  • Giancarlo Vitali, E ancora Carne, 1991, olio su tavola, 33x28
  • Vincenzo Agnetti, Surplace, 1979. Courtesy Archivio Vincenzo Agnetti

Ricerca


GDA luglio/agosto 2017

Vernissage luglio/agosto 2017

Vedere a ...
Vedere in Trentino Alto Adige 2017

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2017

Vedere in Sicilia 2017

Vedere a Venezia e in Veneto 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012