Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Parigi, la Gioconda senza veli di Chantilly opera di Leonardo o della sua bottega?

Un disegno conservato al Musée Condé è al centro di indagini nel laboratorio di restauro del Louvre. Sarà esposto nel 2019

La «Joconde nue» del Musée Condé. RMN-Grand Palais (domaine de Chantilly) / Gérard Blot

Parigi. E se ci fosse la mano di Leonardo in quel disegno di una «Gioconda nuda» conservato al museo del castello di Chantilly? Gli esperti restano prudenti ma l’opera intriga. Il disegno, che appartiene alla collezione donata nel 1897 da Enrico d’Orléans, duca d’Aumale, e che da allora non ha mai lasciato il Musée Condé, si trova ora nei laboratori del Centre de recherche et de restauration des Musées de France, che occupano un’ala segretissima e blindatissima del palazzo del Louvre.
Stando al quotidiano francese «Le Figaro», che ha dato la notizia sul suo sito web, vi si troverebbe già da un mesetto. Gli esperti del museo parigino stanno effettuando tutte le radiografie e le analisi necessarie per capire se il disegno, che misura 72 x 54 cm, è stato realizzato, almeno in parte, dal maestro toscano. Le prime analisi accertano che il foglio è databile tra il 1485 e il 1638. Sono stati notati inoltre alcuni ripensamenti che confermano che si tratta di un originale e non di una copia. Ma si è anche individuato che i tocchi intorno al viso della modella sono di un artista destro, mentre si sa che Leonardo era mancino. Una ventina di quadri della «Gioconda nuda» sono noti e non tutti facilmente databili. Si conosce la «Gioconda nuda» (o «Monna Vanna») di Gian Giacomo Caprotti (detto «Salaì»), allievo di Leonardo (e forse dipinta a quattro mani con lui). Ma alcuni esperti ritengono che la bella Lisa Gherardini posò senza veli anche per il maestro. Gli specialisti francesi privilegiano per ora l’ipotesi che il disegno di Chantilly sia stato realizzato nella bottega di Leonardo. Stanno dunque cercando di stabilire se è anteriore o posteriore alla  «Gioconda» del Louvre e se è presente l’eventuale tocco del maestro. Il disegno resterà nei laboratori del Louvre ancora un mese e sarà esposto nel 2019 in occasione dei 500 anni dalla morte del genio toscano.

di Luana De Micco , edizione online, 28 settembre 2017


Ricerca


GDA dicembre 2017

Vernissage dicembre 2017

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017

Focus on Figurativi 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012