Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

L’archeologo collezionista

A Palazzo Altemps esposte in permanenza le stampe antiche collezionate da Giacomo Boni

Il Mausoleo di Augusto in un'incisione di Marco Sadeler della collezione di Giacomo Boni ora a Palazzo Altemps

Era il 1898 quando Guido Baccelli, ministro della Pubblica Istruzione, affidò a Giacomo Boni (Venezia, 1859 - Roma, 1925) la direzione degli scavi del Foro Romano. I lavori diretti dal celebre archeologo, tra i primi a usare il metodo dello scavo stratigrafico, portarono negli anni seguenti a scoperte fondamentali nel Foro e dal 1907 anche sul Palatino.

Boni fu anche un appassionato collezionista di stampe, che per la prima volta vengono esposte a Palazzo Altemps in una galleria dedicata che collega il cinquecentesco Appartamento della Stufa con le tre ultime sale che completano l’allestimento del museo al compimento dei suoi vent’anni di vita, oggi riservate alla mostra di Fornasetti (fino al 6 maggio, catalogo Electa).

Il piccolo gabinetto delle stampe presenta 30 incisioni dal Sei all’Ottocento di monumenti e scorci di Roma antica e moderna, su una raccolta di 2.300 pezzi conservata dal Museo Nazionale Romano, di autori quali Marco Sadeler (suo il Mausoleo di Augusto nella foto), Giacomo Lauro, Giovanni Battista Piranesi, Giuseppe Vasi, Luigi Rossini, Achille Parboni e altri.

Federico Castelli Gattinara, da Il Giornale dell'Arte numero 382, gennaio 2018


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012