Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Palermo con quattro P: la Capitale italiana della Cultura presenta logo e programma

780 eventi, con molta arte contemporanea e fotografia. A ottobre una mostra su Antonello da Messina

Alla presentazione di stamattina sono intervenuti (da sinistra) Andrea Cusumano, Gianfranco Miccichè (presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana), Leoluca Orlando, Paolo Gentiloni, Nello Musumeci e Dario  Franceschini. Foto di Igor Petyx

Palermo. «Una città costretta a convivere con stereotipi anche a livello internazionale, che sta cambiando e va verso il futuro. È questo il momento per dirle grazie da parte di tutti gli italiani che ne sono orgogliosi…»: con queste parole in un Teatro Massimo gremito di giornalisti, sindaci della Città Metropolitana di Palermo e autorità, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha dato ufficialmente il via all’anno di Palermo Capitale italiana della cultura. 

Nel corso della cerimonia inaugurale è stato presentato il video con il logo ufficiale, ispirato alla stele della Zisa, in cui la lettera P di Palermo è declinata nelle 4 lingue parlate nei millenni: l’arabo, l’ebraico, il fenicio e il greco, a sottolineare la sua essenza di capitale delle culture mediterranee. A vincere il bando è stata una allieva dell’Accademia di Belle Arti la ventiduenne Sabrina Ciprì che si è aggiudicata una borsa di studio di mille euro e uno stage.

Dopo i saluti del sindaco Leoluca Orlando e del presidente della Regione Nello Musumeci, l’intervento dell’assessore alla Cultura del Comune Andrea Cusumano si è soffermato sui punti salienti di un fittissimo programma (al momento 780 gli eventi e iniziative previste, alcune a lungo termine) che potenzierà la già vivace offerta culturale cittadina, tra festival e appuntamenti annuali.

Nell’anno di Manifesta 12, molta arte contemporanea e fotografia in programma, con le mostre di Spencer Tunick, Robert Capa, Jan Fabre (a Monreale e Agrigento), Shozo Shimamoto, Martin Kippenberger e del Nobel per la letteratura Wole Soyinka sull’arte africana allo Zac, mentre una grande mostra su Antonello da Messina è stata annunciata per ottobre alla Galleria Regionale di Palazzo Abatellis.

Tra le iniziative internazionali si parte il 2 marzo con l’Aga Khan Trust for Culture (Aktc) che presenterà in anteprima mondiale il progetto di ricostruzione del suq della moschea degli Omayyadi e del minareto di Aleppo, entrambi patrimonio Unesco, distrutti nel 2013. Il programma completo è disponibile da domani su www.palermocapitalecultura.it.

Come ha spiegato nel suo intervento il ministro Dario Franceschini, la Capitale italiana della cultura è un riconoscimento nazionale istituito dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo nel 2014 a seguito del «Decreto Cultura» e della proclamazione di Matera Capitale europea della cultura 2019.

Nel 2015 fu per prima Ravenna a essere designata, condividendo il titolo con le altre città finaliste nella competizione per la Capitale europea della cultura (Cagliari, Lecce, Perugia e Siena); poi è toccato nel 2016 a Mantova e nel 2017 a Pistoia.


Palermo Capitale della Cultura

di Giusi Diana, edizione online, 29 gennaio 2018


Ricerca


GDA febbraio 2018

Vernissage febbraio 2018

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2018

Vedere a Napoli 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012