Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Un artista di nome Claire

La prima monografica di Grayson Perry in un museo parigino

Parigi. La prima monografica di Grayson Perry in un museo parigino si svolge, dal 19 ottobre al 3 febbraio, a La Monnaie de Paris, il museo sulla Senna dall’audace programmazione culturale, che nei mesi scorsi ha accolto Subodh Gupta o ancora Maurizio Cattelan. L’istituzione apre dunque ora le porte all’artista britannico (Chelmford, 1960), specialista dell’arte della ceramica, che nel 2016, in una mostra alla Serpentine Gallery di Londra, aveva partecipato al dibattito sulla Brexit allestendo «Matching Pair», un’opera composta da due vasi dedicati ai due campi opposti del «Leave» e del «Remain».

L’opera è esposta a Parigi in un lungo e ricco percorso su due piani e in dieci capitoli. Ma il museo parigino, che difende la parità nell’arte, si interessa all’opera «militante» di Perry anche perché l’artista si interessa da tempo alla questione dei generi e dell’identità. Femminista, stravagante, eclettico, fantasioso, Perry sfida i tradizionali stereotipi del maschile/femminile.

Alle vernici delle sue mostre si presenta vestito nel suo alter ego femminile, Claire, un personaggio vistoso con le guance, gli occhi e le labbra molto truccate (nella foto). I primi lavori di Perry, vasi ricoperti da provocatori graffiti e testi manoscritti, molto colorati e fitti di dettagli, sono degli anni Ottanta, quando la ceramica era un materiale ancora boicottato dagli artisti contemporanei. A Parigi sono allestiti anche alcuni arazzi, tra cui il recente «Battle of Britain» (2017).

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 390, ottobre 2018


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012