Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Paolozzi pop e tedesco

Un particolare di «Pop Art Redefined (Lots of Pictures - Lots of Fun)», di Eduardo Paolozzi, 1971

Berlino. Assurto al titolo di baronetto per meriti artistici (dal 1986 era «scultore ufficiale di Sua Maestà Elisabetta II»), Sir Eduardo Paolozzi (1924-2005), scozzese dei dintorni di Edimburgo, primogenito di una famiglia di immigrati italiani del Cassinate, fu cofondatore dell’Independent Group e precursore, nell’immediato secondo dopoguerra, della Pop art britannica.
Irrispettoso della maniera, rivoluzionario, affascinato dai progressi di scienza e tecnica, cercò un modo originale per farle convivere nelle sue opere grafiche e scultoree, sviluppando una nuova iconografia popolare, per le masse e la società industrializzata. La mostra «Eduardo Paolozzi.
Lots of Pictures - Lots of Fun», aperta dal 9 febbraio al 28 maggio alla Berlinische Galerie e organizzata in collaborazione con la Whitechapel Gallery di Londra, si
focalizza sulla produzione del trentennio 1940-70, dando particolare risalto all’operoso biennio 1974-75, che l’artista trascorse proprio a Berlino. Nella foto, un particolare di «Pop Art Redefined (Lots of Pictures - Lots of Fun)», 1971.


Berlinische Galerie

di Francesca Petretto, da Il Giornale dell'Arte numero 383, febbraio 2018


Ricerca


GDA febbraio 2018

Vernissage febbraio 2018

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2018

Vedere a Napoli 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012