Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 14 febbraio 2018

Il dipinto della Manchester Art Gallery «Ila e le ninfe», opera di John William Waterhouse, è da giorni al centro di dibattiti

Il maschilismo è un’invenzione recente. Che cosa avrebbe detto il pittore John William Waterhouse dei nudi di «Ila e le ninfe» (1896), la sua opera recentemente rimossa dalla Manchester Art Gallery perché troppo maschilista? In epoca vittoriana la nudità femminile aveva significati culturali ben diversi da quelli odierni. [Frankfurter AZ]


Torna in Italia una statua di Afrodite trafugata a Foggia. Rubata nell'agosto del 2011 da un'aula dell'Università di Foggia, torna in Italia, recuperata dai Carabinieri del comando per la tutela del patrimonio culturale, una  statua acefala di Afrodite risalente al I secolo d.C. Le indagini dei militari della sezione archeologia erano partite nel 2013, quando il reperto stava per essere messo in vendita da una casa d'aste bavarese. [la Repubblica-Bari


In treno nei più bei borghi italiani. Con l'accordo firmato oggi a  Roma prende il via la collaborazione tra Trenitalia e I Borghi più belli d’Italia. Tra i 282 Comuni valorizzati dall’associazione oltre 20 sono già raggiungibili con i treni regionali. L’intesa prevede alcune iniziative congiunte di promozione turistica e marketing territoriale.


Museo Richard Ginori, firmato l'accordo di valorizzazione. Dopo l'acquisizione al patrimonio dello Stato, annunciata lo scorso 27 novembre dal ministro Dario Franceschini,  del Museo Richard Ginori della Manifattura di Doccia, oggi al Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo è stato  sottoscritto l’accordo di valorizzazione per la riapertura e il rilancio dell'istituzione di Sesto Fiorentino. Il documento è stato siglato dalla segretaria generale del  Mibact Carla Di Francesco, dalla vicepresidente della Regione Toscana, Monica Barni, e dal sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi.


Michelangelo disegnatore conquista il Met. Con un bilancio di 702.516 visitatori  in tre mesi si è chiusa ieri al Metropolitan Museum of Art la mostra Michelangelo: Divine Draftsman and Designer: un risultato che ne fa la mostra di disegni più vista di sempre organizzata dal museo newyorkese nei suoi 148 anni di storia, nonché la decima in assoluto in una lista che vede blockbuster come «Treasures of Tutankhamun» (1978), «Mona Lisa» (1963) e «Picasso in The Metropolitan Museum of Art» (2010).

Tesoro barocco torna in Italia per una mostra. Dall’Irlanda torna il grandioso coro ligneo realizzato nel 1740 da Luigi Prinotto che, per la prima volta assieme ad altri gioielli dell’intarsio, andrà in mostra ad aprile alla Fondazione Accorsi-Ometto di Torino. [La Stampa]

A Milano si progetta la cultura digitale. Su iniziativa di Fondazione Cariplo e Meet the media Guru nasce a Milano un nuovo centro internazionale per la cultura digitale. La sua missione è sottolineare il maggior valore dell’aspetto culturale su quello tecnologico. [Corriere della Sera]

«Vota per me». Ritratti di immigrati al posto dei politici sui manifesti elettorali in giro per le città italiane: questo il raid provocatorio di un collettivo di artisti in reazione all’odio scaturito dai violenti fatti di Macerata. [La Stampa]

L’Egizio di Torino ricorda Schiaparelli. In occasione dei 90 anni della morte dell’archeologo Ernesto Schiaparelli, erudito che rivoluzionò lo studio dell’Egitto e fece del Museo di Torino un’eccellenza mondiale, l’attuale direttore Christian Greco pubblica un ricordo del suo lontano predecessore. [la Repubblica]

Il portabottiglie di Duchamp va a Chicago. L’Art Institute di Chicago annuncia l’acquisto, grazie all’intermediazione del gallerista Thaddaeus Ropac, della copia storica dell’opera di Marcel Duchamp «Porte-bouteilles». [Frankfurter AZ; Le Figaro 13-2]

La Biblioteca Palatina virtuale. L’Università di Heidelberg riunisce virtualmente una delle più preziose collezioni di manoscritti medievali, ricostituendo in formato digitale i preziosi manoscritti tedeschi ospitati per 400 anni dalla Biblioteca Apostolica Vaticana a Roma. [Frankfurter AZ]

Disputa giudiziaria tra vescovi e Museo di Lérida. Si accende un altro scontro tra la Catalogna e l’Aragona su beni ecclesiastici: il vescovato di Barbastro-Monzon a Huesca ha intentato una causa civile per chiedere la restituzione di 112 opere appartenenti a più di 100 sue parrocchie, opere che sono custodite nel Museo di Lérida, assieme ai contestati tesori di Sijena. [El País 13-2]

Pesante multa per graffitari a New York. Un collettivo di 21 writer che volevano trasformare il quartiere newyorkese di Fivepoints in un museo all’aria aperta, è stato condannato a pagare una multa da 6,7 milioni di dollari su denuncia del proprietario degli edifici «imbrattati», Jerry Wolkoff. [El País 13-2]

Vaizey e l’edilizia museale inglese. L’ex ministro inglese della cultura del governo Cameron Ed Vaizey sostiene una campagna per dirottare i fondi destinati alla costruzione di nuovi musei sulla riparazione di quelli già esistenti. E poco importa se i magazzini sono strapieni di oggetti che non trovano posto nelle sale: si potrebbero esporre anche nei centri commerciali, dice. [The Times 13-2]

Francesco Martinello, edizione online, 14 febbraio 2018


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012