Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Giornale delle Mostre

Il diario intimo di Kertész

Nel Palazzo Ducale di Genova oltre 180 fotografie del maestro ungherese

André Kertész, «Nuotatore sott'acqua, Esztergom, Ungheria», 1917, Ministère de la Culture et de la Communication / Médiathèque de l’architecture et du patrimoine / Dist Rmn © Donation André Kertész

S’inaugura il 24 febbraio, nel Sottoporticato di Palazzo Ducale, «André Kertész. Un grande maestro della fotografia del Novecento», mostra a cura di Denis Curti che fino al 16 giugno riunisce oltre 180 immagini del maestro ungherese (Budapest 1894-New York 1985), trasferitosi a Parigi nel 1925, dove fu amico dei massimi artisti del tempo.

Per Cartier-Bresson era il maestro della fotografia contemporanea («Qualsiasi cosa noi facciamo, Kertész l’ha fatto prima») eppure, trasferitosi nel 1936 a New York, Kertész non ottenne mai, se non alla fine della vita (e più ancora dopo la morte), i riconoscimenti che avrebbe meritato per le sue immagini atemporali, silenziose e poetiche, non ascrivibili ai grandi percorsi della fotografia sperimentale né alla fotografia d’impegno sociale e politico. Perché «la mia fotografia, ripeteva, è un diario intimo». 




Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 383, febbraio 2018


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012