Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 6 marzo 2018

La camera da letto del collezionista Federico Cerruti: la sua collezione è stata acquisita dal Castello di Rivoli e la casa museo sarà aperta al pubblico nel 2019

Apre nel 2019 Villa Cerruti. Migliaia di pezzi d’arte medievale e contemporanea, custoditi per oltre 50 anni da Francesco Federico Cerruti nella villa di famiglia a pochi passi dal Castello di Rivoli (Torino), saranno visibili al pubblico dal 2019 quando l’edificio sarà trasformato in una casa museo.  E proprio le case museo sono il tema di un convegno internazionale che il Castello di Rivoli ospita nella giornata di oggi. [La Stampa]

L’archeologia perde Lippolis... Scomparso a 63 anni l’archeologo italiano Enzo Lippolis. Conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, in soli 6 anni di direzione aveva saputo risollevare il Dipartimento di scienze antiche dell'Università La Sapienza di Roma dal centunesimo al primo posto delle graduatorie mondiali. [Corriere della Sera; Il Messaggero; la Repubblica]

e anche la Siliato. Se n’è andata anche la scrittrice, storica e archeologa Maria Grazia Siliato. Nata a Genova nel 1926, era nota sopratutto per le sue ricerche e pubblicazioni sulla Sindone, nonché per i suoi romanzi storici. [Il Giornale]

Italia, un Paese di fotografi? Con 17 finalisti ai Sony World Photography Awards (oltre 320mila scatti presentati da 200 Paesi), e altri 35 inseriti fra i top 50 di varie categorie, i fotografi italiani si dimostrano visionari di qualità e attenti osservatori del mondo contemporaneo. [Corriere della Sera]

Arte contemporanea, 950mila euro dal Mibact. Al via il terzo bando «Italian Council», iniziativa promossa dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane (Dgaap) del Mibact per promuovere la produzione, la conoscenza e la diffusione della creazione contemporanea italiana nel campo delle arti visive in Italia e all’estero. Il bando prevede il finanziamento (950mila euro complessivi, per un massimo di 150mila euro per soggetto proponente) di progetti presentati da musei, enti pubblici e privati non profit, istituti universitari, fondazioni e associazioni culturali, anche internazionali, che prevedano la produzione di opere d’arte italiane per incrementare le collezioni pubbliche. I lavori realizzati rimarranno di proprietà dello Stato italiano e saranno destinate a musei statali, regionali e civici. [AgCult]

Nel mondo

Macron, due esperti per restituire l'arte africana.
Il presidente francese Emmanuel Macron ha affidato ieri a due esperti il compito di studiare la restituzione a Paesi africani di opere d'arte attualmente in Francia, tenendo così fede all'impegno preso a fine novembre 2017 in Benin. Le due personalità nominate da Macron sono la storica dell'arte Bénédicte Savoy, membro del Collège de France, e lo scrittore e accademico senegalese Felwine Sarr, che entro novembre dovranno riferire i risultati della loro indagine a Macron. [Le Monde]

Che cosa può fare l’arte per chi protesta. Paolo Mastrolilli racconta com’è andata l’iniziativa «On protest» di Paola Antonelli presso il MoMA di New York (dove è curatrice del Dipartimento di Architettura e Design): artisti e pubblico a confronto sul senso e le forme attraverso cui esprimere il dissenso e l’indignazione nei confronti della politica e della società. [La Stampa]

Quando il creatore ascolta la società civile. L’idea sulla quale è fondato il protocollo «Nuovi sponsor», lanciato nel 1990 dall’artista belga François Hers e ormai sottoscritto da quasi 400 artisti, è che il lavoro di un artista negli spazi pubblici richieda di sentire preventivamente l’opinione degli utenti di quello spazio. In questo modo si possono evitare casi come la recente polemica sui tulipani di Koons a Parigi. [Libération]

Dialogo e alta cultura. La rubrica sulle donne alla guida dell’arte si occupa questa settimana di Delphine Lévy, alla guida dal 2013 di Paris Musées, una donna capace di gestire grandi risorse, grande notorietà e grandi numeri (circa 3 milioni di visitatori l’anno). [Libération]

Marsiglia sa gestire l’eredità del 2013. Doppia pagina per Marsiglia, Capitale europea della Cultura cinque anni fa, che da allora non si è più fermata e che quest’anno organizza l’iniziativa Marseille-Provence, un festa della cultura con mostre, concerti, spettacoli di danza e di teatro. [Libération]

La lotteria per approfittare della lotteria. Si complica in Francia la scelta di quali edifici storici andranno a beneficiare dei fondi speciali raccolti attraverso la lotteria: tra i molti che scalpitano qualche nome importante dovrà purtroppo essere escluso. [Le Figaro]

Lafayette per l’arte. In vista dell’apertura il 10 marzo a Parigi della nuova Fondazione per l’arte contemporanea Lafayette Anticipations, Anne Fulda ha intervistato il suo creatore Guillaume Houzé, 36enne discendente del fondatore delle Galeries Lafayette. [Le Figaro]

Francesco Martinello, edizione online, 6 marzo 2018


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012