Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Corpo a corpo

Giacometti e Bacon alla Fondation Beyeler di Basilea

Alberto Giacometti e Francis Bacon nel 1965. Foto © Graham Keen

Basilea (Svizzera). Alberto Giacometti (1901-66) e Francis Bacon (1909-92): due personalità artistiche dagli stili e temperamenti diversi, ma uniti da riflessioni e tematiche comuni. La Fondation Beyeler li accosta in «Bacon-Giacometti», mostra che si svolge dal 29 aprile al 2 settembre. Sono allestite un centinaio di opere con prestiti importanti, come la prima versione della «Boule suspendue» conservata alla Alberto Giacometti Stiftung di Zurigo, che viaggia molto raramente. La maggior parte delle opere dell’artista svizzero sono prestate dalla Fondation Giacometti di Parigi di cui Catherine Grenier, curatrice della mostra, è la direttrice. L’abbiamo intervistata.

Come nasce l’idea di accostare i due artisti?
Dagli studi degli archivi della Fondation Giacometti è emerso che i due artisti si conoscevano e, anche se si sono incontrati poche volte, a Parigi e soprattutto a Londra, avevano potuto discutere sull’arte.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 385, aprile 2018



Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012