Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre


Talentuosa Elisabetta

Elisabetta Sirani (Bologna 1638-65), «Allegoria della pittura» (autoritratto?), 1658, Mosca, Museo Pushkin

Firenze. Elisabetta Sirani (Bologna, 1638-65), scomparsa a soli 27 anni, è definita dal biografo Carlo Cesare Malvasia «prodigio dell’arte, la gloria del sesso donnesco, la gemma d’Italia, il sole della Europa», capace di esprimersi con «leggiadria senza stento» e «grazia senza affettazione».

La mostra «Dipingere e disegnare “da gran maestro”: il talento di Elisabetta Sirani» (fino al 10 giugno), a cura di Roberta Aliventi e Laura Da Rin Bettina, allestita agli Uffizi, riunisce 33 opere di raccolte italiane, pubbliche e private, eccezion fatta per l’«Autoritratto come Allegoria della Pittura» del Museo Pushkin di Mosca, offrendo un confronto tra pittura, disegni (degli Uffizi), molti a pietra nera e inchiostro diluito, e le acqueforti (come la «Mater Dolorosa»).

Suadente e affettuosa nei soggetti religiosi, la Sirani affronta con disinvoltura i temi allegorici (a lei noti grazie alla biblioteca del padre Giovanni Andrea, già allievo di Guido Reni), dalla spigliata ed elegante «Galatea» fino a «Porzia», dove rappresenta il momento in cui l’eroina si ferisce e non quello del suicidio.

Molto introdotta nell’élite culturale bolognese, intreccia relazioni con la corte medicea, col cardinale Leopoldo e con Cosimo III, alle cui nozze è dedicato l’«Amorino trionfante in mare (Amorino Medici)» del 1661.

di Laura Lombardi, da Il Giornale dell'Arte numero 385, aprile 2018


Ricerca


GDA aprile 2018

Vernissage aprile 2018

Vademecum SANPAOLO

Focus on Design 2018

Vedere a ...
Vedere a Milano 2018


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012