Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie


Milano

Armando con l’arte in Testa

Sculture, dipinti e disegni da Lia Rumma

Armando Testa, «Nocero umbro»

Milano. «Sono nato povero, ma moderno». E poi: «La sintesi per me è stata una legge di vita nei segni e nelle parole». In questi due enunciati di Armando Testa (Torino, 1917-92) è riassunta tutta la dirompente originalità del suo lavoro di grafico, di pubblicitario e, più ancora, di artista: perché l’arte era la sua vera vocazione e la fonte di tante immagini poi utilizzate in pubblicità. Prima fra tutte, la sfera e mezza del manifesto dell’aperitivo «Punt e Mes», realizzato nel 1960 per Carpano, ma ideato come scultura minimalista alla metà degli anni ’50. Non è un caso, dunque, che oggi la scultura «Uno e mezzo» (una variante monumentale si trova dal 2015 sul piazzale della stazione di Porta Susa a Torino) apra, nel salone al piano terreno, la mostra «Armando Testa. Punto e Basta», che Lia Rumma gli dedica, dal 19 aprile al primo giugno.

La retrospettiva punta su Testa artista e designer, mettendo però in luce come l’ideazione artistica si travasasse con naturalezza in quella pubblicitaria. Tutt’intorno alla citata scultura sfilano i suoi singolari dipinti, evidenti omaggi all’equilibrio formale di Mondrian, realizzati però con un materiale nuovo ed eterodosso come il laminato, e racchiusi in elaborate cornici dorate, con uno spiazzante corto circuito visivo. E, di fronte a ognuno, disposte come inginocchiatoi, le sedie «AT», formate dalle sue iniziali e inventate, con il consueto guizzo d’ironia, per conciliare il sonno del pubblico durante i convegni. Al primo piano della galleria, invece, è protagonista la mano e, più ancora, lo sono le dita, con cui si governa quella matita da grafico che è stata per lui strumento di lavoro e di tortura allo stesso tempo, avendo sempre coltivato il progetto (frustrato però dal grande successo come pubblicitario) di dedicarsi alla sola arte.

Disegni, acquerelli, piccoli dipinti, fotografie, sculture di ceramica: tutto, qui, è un inno alla mano e alle dita. E lo è, a sorpresa, anche «Aquila meccanica» (1977) una scultura ricoperta di vernice industriale e dotata di occhi mobili, sulle cui piume Armando Testa ha impresso le sue impronte digitali. Segue l’universo dei segni più noti, con i lavori ispirati ai personaggi della pubblicità, qui esposti insieme all’«Omaggio ad Armando Testa» (1995) di Haim Steinbach, e all’impagabile «Lampadina limone» (1968) di Testa, simbolo della sua energia creativa.

di Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 385, aprile 2018


Ricerca


GDA aprile 2018

Vernissage aprile 2018

Vademecum SANPAOLO

Focus on Design 2018

Vedere a ...
Vedere a Milano 2018


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012