Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Biennale Architettura, Kenneth Frampton Leone d'oro alla carriera

Kenneth Frampton, Leone d'oro alla carriera 2018. Foto courtesy La Biennale di Venezia

Venezia. «Non c’è studente delle facoltà di architettura che non abbia avuto tra le mani la sua Storia dell'architettura moderna. Il Leone d’oro va quest’anno a un maestro, e in tal senso vuole essere anche un riconoscimento all’insegnamento critico dell’architettura»: con queste parole il presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta ha commentato l'attribuzione del Leone d'oro alla carriera all'88enne architetto britannico Kenneth Frampton. Un riconoscimento proposto da Yvonne Farrell e Shelley McNamara, le curatrici della 16. Mostra Internazionale di Architettura «Freespace» in programma dal prossimo 26 maggio al 25 novembre: «La sua esperienza come architetto professionista, si legge nella loro motivazione, gli ha permesso una profonda comprensione del processo di progettazione e realizzazione degli edifici. Ciò lo rende più comprensivo ma anche più critico nei confronti delle varie forme della pratica dell’architettura. I suoi valori coerenti, in relazione all’impatto dell’architettura sulla società, insieme alla sua generosità intellettuale, lo caratterizzano come presenza di importanza unica nel mondo dell’architettura».

Nato a Londra nel 1930, Kenneth Frampton si è formato alla Architectural Association School of Architecture di Londra. Attualmente è Ware Professor presso la Graduate School of Architecture, Planning and Preservation, Columbia University, New York. Ha insegnato in numerose istituzioni internazionali, tra cui il Royal College of Art di Londra, l ’ETH di Zurigo, il Berlage Institute di Amsterdam, l’EPFL di Losanna e l’Accademia di Architettura di Mendrisio.

Frampton è autore di molti saggi sull’architettura moderna e contemporanea. Oltre a Storia dell'architettura moderna (pubblicata in italiano da Zanichelli; titolo originale: Modern Architecture: A Critical History) fra le sue pubblicazioni vanno ricordate Studies in Tectonic CultureLabour, Work and ArchitectureA Genealogy of Modern Architecture: Comparative Critical Analysis of Built Form. Presso Mondadori Electa sono uscite le sue monografie su Steven Holl, Richard Meier e Alvaro Siza.


Articoli correlati:
Venezia, la Biennale di Yvonne Farrell e Shelley McNamara è uno spazio libero


Yvonne Farrell e Shelley McNamara, due direttrici per la Biennale di Architettura 2018

edizione online, 18 aprile 2018


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012