Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Sculture in fuga

Roman Signer all'Istituto Svizzero di Roma

Un’«azione» di Roman Signer svoltasi all’Istituto Svizzero nel 1985 © Roman Signer

Roma. Se Jean Tinguely fu il primo a concepire la scultura come oggetto performativo e, in alcuni casi, autodistruttivo, è stato senza dubbio Roman Signer a farne la cifra distintiva del proprio lavoro, portando quest’idea a uno sviluppo successivo.

Austriaco, classe 1938, Signer è l’artista che ha puntato sulla modificazione dell’oggetto scultoreo, una modificazione improvvisa e rapidissima, tanto da poter essere bloccata solo grazie all’utilizzo del mezzo fotografico.

Fino al primo luglio il suo lavoro è visibile all’Istituto Svizzero con una mostra che parte dalle sue prime fotografie in bianco e nero (in gran parte inedite) per arrivare alle sculture e alle fotografie a colori più recenti.

Il titolo della mostra, «Skulptur/Fotografie», contrappone e, allo stesso tempo, giustappone le due tecniche artistiche facendone le due facce della ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Silvano Manganaro, da Il Giornale dell'Arte numero 386, maggio 2018


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012