Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Il colore inciso di Francesco Casorati

All'Istituto Centrale per la Grafica i fogli dell'artista torinese

Un particolare di «Il merlo e lo stagno», 1982, di Francesco Casorati

Roma. Il Museo didattico dell’Istituto centrale per la grafica ospita dal 9 maggio al primo luglio la retrospettiva «Francesco Casorati. Opera incisa». La mostra riunisce una sessantina di fogli datati dal 1952 al 1995, prevalentemente incisioni calcografiche, integrate da due gipsografie.

La grafica incisa di Francesco Casorati (Torino, 1934-2013) muove da suggestioni da Klee nelle filiformi strutture dei primi anni Cinquanta, partecipa della temperie informale alla fine del decennio e all’inizio degli anni Sessanta (la Biennale di Venezia dedica una sala nel 1962 alle sue incisioni e litografie) e per pochi anni si avvicina al realismo socialmente impegnato.

Sin dagli esordi affiora un ludico sperimentalismo dietro al quale si celano raffinate elaborazioni sui principi fondamentali della grafica a stampa: il concetto di madre-matrice, la specularità, la valenza microscultorea del segno calcografico, elementi che lo portano a varianti ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

da Il Giornale dell'Arte numero 386, maggio 2018


Ricerca


GDA ottobre 2018

Vernissage ottobre 2018

Vedere a Matera 2018

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012