Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

Pratiche di restauro nel carcere di Fuga

Mostra vetrina con visita guidata delle opere restaurate dal ISCR

Un particolare del grande tondo con la «Madonna con il Bambino e quattro angeli (Madonna delle Rose)», ultimo decennio del XV secolo, della bottega di  Sandro Botticelli, Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

Roma. Sarà aperta per la prima volta al pubblico la Sala Clementina con le sue celle di reclusione dell’ex carcere femminile del San Michele progettato da Ferdinando Fuga, restaurata lo scorso ottobre e destinata a mostre e incontri dell’Istituto. Fino al 25 maggio ospita «Pratiche di restauro», mostra vetrina (solo visite guidate) dell’attività dell’Iscr attraverso oltre venti manufatti prima della loro definitiva riconsegna, iniziativa che riprende una vecchia tradizione dello stesso Cesare Brandi, fondatore nel 1939 dell’Istituto, che esponeva le opere appena restaurate nella Sala delle arti nella sede all’ex Convento di San Francesco di Paola.

Lo scopo di divulgazione di questi «progetti locali» è evidente: sarà lo stesso personale (restauratori, storici dell’arte, architetti e archeologi) a spiegare ai visitatori le tematiche legate alla conservazione e alla pratica di restauro, divise in sei filoni: ricerca scientifica applicata, tecniche di pulitura, supporti, lacune, rifacimenti storici e grandi danni.

Attraverso pezzi, alcuni davvero magnifici, come un grande tondo con la «Madonna con Bambino e angeli» della bottega del Botticelli, una «Madonna con Bambino e santi» del Parmigianino del 1521, un affresco con «Narciso alla fonte» del Domenichino da Palazzo Farnese, una terracotta terremotata dalle Marche, opere che spaziano tra materiali diversissimi e nel tempo, dai reperti archeologici in bronzo a una tela di Toti Scialoja del 1967.

Federico Castelli Gattinara, da Il Giornale dell'Arte numero 386, maggio 2018


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012