Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Alfabeto Haring

Una retrospettiva ripercorre l'opera dell'artista statunitense che oggi avrebbe sessant'anni

«Andy Mouse», 1985, di Keith Haring © Keith Haring Foundation

Vienna. Per ricordare i 60 anni dalla nascita di Keith Haring, l’Albertina propone la grande retrospettiva «The Alphabet», aperta fino al 24 giugno. Il centinaio di opere esposte si concentra sul linguaggio simbolico che percorre, come un filo rosso, tutta l’opera dell’artista statunitense nato a Reading, in Pennsylvania, nel 1958 e stroncato dall’Aids, a New York, a soli 32 anni.

Le opere di Haring sono popolate di personaggi stilizzati, omini bidimensionali senza volto, cani e angeli, ballerini scatenati, iconograficamente riconoscibili tra tutti, e il tutto su sfondo di colori vivaci. Fu disegnatore, scultore, pittore ed ebbe un approccio «politico» dell’arte. I suoi «subway drawings», realizzati nelle metropolitane del mondo, veicolano messaggi di giustizia sociale e sono opere contro ogni forma di pregiudizio.

Lo street artist usava la strada, i muri e gli spazi pubblici per denunciare razzismo e violenze, per lottare contro l’apartheid in Sudafrica e l’omofobia, contro il nucleare e in difesa dell’ambiente. Si impegnò molto anche negli ospedali. E del resto la sua opera di maggiori dimensioni è una «torre» di 27 metri che integra l’ospedale pediatrico Necker, a Parigi, e che dipinse in soli tre giorni in cima a una gru nell’aprile del 1987.

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 386, maggio 2018


Ricerca


GDA maggio 2018

Vernissage maggio 2018

Fotografia Europea 2018

Vedere a ...
Vedere a Venezia e in Veneto 2018

Vedere nelle Marche 2018

Vedere a Milano 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012